Clinica

mar82011

Tumori ginecologici: il protocollo che conserva la fertilità

Grazie a un nuovo protocollo di chirurgia le donne colpite da giovani da tumori dell'apparato riproduttivo possono, con una diagnosi precoce, conservare la fertilità e avere gravidanze fino al 30% dei casi. Lo ha affermato Domenica Lorusso, del reparto di ginecologia oncologica dell'ospedale Gemelli di Roma, durante l'incontro “L'immagine ritrovata: la centralità della vita delle pazienti” organizzato dall'Istituto Regina Elena della capitale. «Per alcune pazienti è possibile fare un intervento che rimuove solo il tumore, senza dover asportare l'intero organo, mantenendo molto basso il rischio di recidive» spiega l'esperta «per il momento, però, questa tecnica è ancora sperimentale, ed è effettuata solo nei centri più specializzati perchè la paziente va selezionata accuratamente e seguita dopo la procedura». Secondo i numeri presentati da Lorusso, questa tecnica si può applicare ai tumori dell'ovaio al primo stadio, che sono il 10% dei casi, al 30% dei tumori della cervice, quelli cioè scoperti precocemente, e al 5% di quelli dell'endometrio, e le percentuali di gravidanze possono arrivare anche al 50%. Buone notizie ci sono anche per le donne, una su mille, che scoprono in gravidanza di avere un tumore: «In questo caso si è visto che la chemioterapia non provoca danni gravi al bambino, se iniziata al secondo o terzo trimestre, a patto che si scelgano i farmaci giusti» continua Lorusso «al giorno d'oggi abbiamo un'ampia scelta per le terapie, e due terzi dei tumori in gravidanza possono essere curati senza dover interrompere la gestazione».


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Raccomandazioni sulla gestione della rinite allergica in farmacia
vai al download >>
separa
Principi e Pratica Clinica
Ascioti - Reparto dermocosmetico - Guida al cross-selling
vai al download >>

SUL BANCO