Sanità

dic222011

Ue: senza barriere il riconoscimento delle professioni

Per ridurre burocrazia e ostacoli alla mobilità intracomunitaria del comparto professionale, la Commissione europea propone di modificare la direttiva 2005/36 sul riconoscimento delle qualifiche professionali (recepita in Italia con il decreto legislativo 206/07) creando una "card" elettronica valida in tutta Europa per il riconoscimento rapido delle qualifiche professionali e la possibilità di trasferirsi da uno Stato all'altro. La card interesserà diverse professioni, dai notai agli architetti, ma anche quelle sanitarie: medici, infermieri, ostetriche, dentisti e farmacisti. La novità più importante per questi ultimi è la cancellazione della restrizione prevista dall’articolo 21 (paragrafo 4 della direttiva Ue) che permette agli Stati membri di non riconoscere i titoli di studio e di formazione conseguiti in altri Stati Membri, al fine dell’apertura di nuove farmacie. Con questa modifica non si potrà a priori impedire a un professionista comunitario di aprire una farmacia. La revisione della direttiva è considerata doverosa, secondo Michel Barnier, commissario europeo al Mercato interno considerata l’aumentata la richiesta di personale qualificato. La Commissione punta anche a un aggiornamento dei requisiti minimi di formazione per le professioni interessate e introduce, per la prima volta, un sistema di allerta da attivare per segnalare il divieto di esercizio della professione nel settore sanitario che varrà in tutta Europa.


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO