Sanità

giu252015

Università, pochi laureati col massimo dei voti. Novellino: urgente numero chiuso

Università, pochi laureati col massimo dei voti. Novellino: urgente numero chiuso

«La Facoltà di Farmacia ha un rapporto docenti-studenti troppo elevato, il che inevitabilmente abbassa la resa in termini di voto». Così il presidente della Conferenza nazionale dei direttori di dipartimento di farmacia Ettore Novellino commenta i dati dell'ultimo Profilo Almalaurea sulle performance formative dei laureati 2014 sulla base del voto di laurea. Secondo la statistica i laureati del chimico farmaceutico sono con il 17% dei laureati con il massimo dei voti (110 e lode) sotto la media che vede spiccare i laureati del gruppo medico che hanno ben il 56% dei laureati al top. Ed è proprio il confronto con i "cugini" medici a rivelarsi particolarmente significativo secondo Novellino. «A Medicina il numero di studenti è più basso. Ergo sono seguiti meglio e rendono di più». Ecco perché sarebbe utile una maggiore selezione all'ingresso anche nella Facoltà di Farmacia. «Noi dobbiamo assicurare il diritto all'occupazione» ribadisce il presidente della Conferenza «non alla laurea. Il ministero d'altro canto parla di una necessità di 1.500 laureati l'anno a fronte degli 8.500 che si iscrivono. È evidente che i conti non tornano». Sempre i dati Almalaurea, peraltro, parlano di una leggera ripresa per l'occupazione tra i laureati in Farmacia. Un dato che Novellino conferma «il mercato della salute si sta allargando ai bisogni del benessere. Penso a settori come la nutraceutica o la cosmeceutica. Si aprono così nuove possibilità per i farmacisti e questo non può che portare a una ripresa delle possibilità occupazionali. Anche se ancora timida».

Marco Malagutti



discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO