FARMACI E DINTORNI

apr202011

Usa, spesa i calo sui farmaci da prescrizione, merito dei generici

Lo scorso anno, negli Stati Uniti, la spesa sui farmaci da prescrizione ha registrato un aumento del 2,3%, più basso rispetto al 5,1% registrato nel 2009. Lo sostiene Ims health in un rapporto in cui si spiega che tra le dinamiche responsabili di questa tendenza c’è un maggior uso dei generici, la perdita di brevetto di molti tra i maggiori prodotti di marca, un rallentamento nella domanda e una spesa minore nelle nuove terapie. Gli esperti dell’Ims hanno, infatti, notato che la spesa sui generici è salita del 21,7% nel 2010 a fronte di un calo dello 0,7% dei farmaci di marca. Gli equivalenti rappresentano il 78% di tutte le vendite dello scorso anno rispetto al 63% registrato nel 2006. Il rapporto segnala, per altro, che nel 2010 sono stati lanciati 44 nuovi farmaci di marca molti dei quali per malattie rare o con meccanismi di azione simili a trattamenti già esistenti. Tuttavia il numero di pazienti che hanno avviato una cura con nuove terapie per malattie croniche è diminuito. Nonostante questi dati di mercato, il governo americano è intervenuto con una strategia nazionale per limitare l’uso improprio di farmaci da prescrizione, in particolare degli oppioidi, nei prossimi cinque anni. L’Fda ha, infatti, chiesto a 16 aziende che li producono di attivarsi con una strategia di valutazione e riduzione del rischio, per verificare che i benefici dei propri farmaci oppioidi siano ancora superiori ai rischi. Le aziende hanno 120 giorni per proporre un piano che sarà revisionato dal regolatorio.


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Schramm - La farmacia online
vai al download >>

SUL BANCO