Sanità

gen112021

Vaccinazione anti-Covid, Campania: farmacisti prioritari. Ordine Brescia: Lombardia segua indicazioni ministero

Vaccinazione anti-Covid, Campania: farmacisti prioritari. Ordine Brescia: Lombardia segua indicazioni ministero

In Campania i farmacisti sono stati inclusi tra le categorie sottoposte in via prioritaria al vaccino anti Covid. Appello analogo lanciato anche in Lombardia e Sicilia

In Campania i farmacisti sono stati inclusi tra le categorie sottoposte in via prioritaria al vaccino anti Covid su sollecitazione dell'Ordine dei farmacisti di Napoli e un analogo appello è stato lanciato anche in altre Regioni, in Sicilia ma anche in Lombardia dall'Ordine di Brescia che chiede alla Regione di allinearsi al più presto alle disposizioni nazionali. A dare conto delle diverse situazioni nelle varie regioni italiane sono le cronache locali.

Santagada (Ordine Napoli): accolta la nostra richiesta

In Campania, si apprende che la Regione ha accolto l'appello lanciato dal presidente dell'Ordine dei farmacisti di Napoli, Vincenzo Santagada, che in una lettera inviata al governatore Vincenzo De Luca e all'Unità di crisi "aveva chiesto di contemplare tra le figure a rischio anche i farmacisti. Così è arrivato il via libera di Palazzo Santa Lucia e sono partite le vaccinazioni agli esponenti della categoria". Le Asl Napoli 2 e Napoli 3 dovrebbero concludere le somministrazioni tra qualche giorno, mentre l'Asl Napoli 1 è in ritardo sulla tabella di marcia e dovrebbe partire con le vaccinazioni la prossima settimana. Sono per ora rimasti fuori i titolari delle parafarmacie Santagada, che in questi giorni, insieme al presidente di Federfarma Napoli Riccardo Iorio è impegnato per la campagna di tamponi gratis ai cittadini, ha espresso soddisfazione per la «celerità con cui il sistema sanitario si è fatto carico della immunizzazione dei farmacisti, che dall'inizio della pandemia sono in prima linea per soddisfare le esigenze dei cittadini». E, per quanto riguarda i farmacisti delle parafarmacie, ha fatto sapere che si sta «discutendo con i manager per recuperarli in coda».

Rastrelli (Ordine Brescia): Lombardia tuteli servizio di prossimità

Al coro di voci che chiedono alle istituzioni regionali di competenza di considerare prioritaria la vaccinazione dei farmacisti si aggiunge anche l'Ordine di Brescia: «I farmacisti debbono essere vaccinati prioritariamente. Siamo pronti a dare il nostro contributo per le vaccinazioni in farmacia». Queste le parole, espresse in una nota, di Francesco Rastrelli, presidente dell'Ordine dei farmacisti di Brescia. Non solo. «È una situazione singolare - ha continuato - mentre il ministro della Salute e il Commissario straordinario hanno più volte sottolineato che i farmacisti di comunità rientrano nel nucleo prioritario delle categorie da vaccinare, invece in alcune Regioni i nostri colleghi ancora non siano stati inseriti nelle liste delle priorità. Mi auguro che anche la Lombardia si allinei al più presto alle disposizioni nazionali. E confido che il nuovo assessore al Welfare, Letizia Moratti, voglia rispondere rapidamente alla nostra pressante, quanto legittima richiesta».
Rastrelli ha ribadito che non si sta chiedendo di «passare davanti ad altri ma di tutelare, vaccinando i farmacisti, un servizio di prossimità fondamentale, che in questi mesi ha garantito la continuità dell'assistenza ai cittadini. C'è sempre stato ovunque un farmacista cui rivolgersi, tutti i giorni, durante le feste e anche la notte. Mi auguro che tutte le Regioni si allineino dunque al più presto». E ha ricordato che «a fine dicembre la legge di Bilancio con l'emendamento che accoglieva la nostra richiesta, ha previsto la possibilità che le immunizzazioni possano essere eseguite in farmacia, con la supervisione di un medico, da tutti i professionisti sanitari formati e abilitati a questa prestazione - ha rimarcato -. È evidente che dobbiamo fare presto e bene per poter dare un importante impulso alla campagna vaccinale anti-Covid e siamo pronti a dare il nostro contributo». E a sollecitare la necessità di coinvolgere i farmacisti è anche il leader della Lega Matteo Salvini: «I farmacisti possono vaccinare. Le scorte si stanno esaurendo e ci sono 60.000 farmacisti a disposizione per vaccinare, che il Governo non li abbia ancora consultati e coinvolti è assolutamente assurdo».
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO