farmaci

set122017

Vaccinazione influenzale dai 6 mesi raccomandato da pediatri Usa

Vaccinazione influenzale dai 6 mesi raccomandato da pediatri Usa
Tutti i bambini con più di sei mesi di vita dovrebbero essere vaccinati contro l'influenza: secondo la American Academy of Pediatrics (Aap), si potrebbero così ridurre in modo significativo i rischi di malattie gravi e decessi. I pediatri statunitensi hanno inserito questa raccomandazione in un documento di policy che sarà pubblicato sul numero di ottobre di Pediatrics ed è stato anticipato online pochi giorni fa.

«Per ogni genitore, procurarsi una dose di vaccino appena sia disponibile nella zona di residenza, dovrebbe essere nella lista delle cose da fare di routine all'inizio dell'anno scolastico», sostiene Flor Munoz, pediatra texana coautrice del documento, ricordando che l'influenza non è un problema da prendere alla leggera, specie per tutte le persone a rischio, dalle donne in gravidanza, alle persone anziane fino, appunto, ai bambini: la vaccinazione, oltre a proteggere questi soggetti dalle complicanze, previene la diffusione dei virus.

Negli Stati Uniti, il vaccino sarà disponibile sia nella forma trivalente che in quella quadrivalente, ma secondo i pediatri la scelta importante non è tra le due opzioni ma quella di vaccinarsi, visto che nell'ultima stagione influenzale sono stati migliaia i bambini ricoverati a causa di complicanze dell'influenza e oltre cento sono deceduti: in gran parte non erano vaccinati.

La Aap raccomanda che la vaccinazione sia fatta possibilmente entro la fine di ottobre; in particolare, per una protezione migliore, i bambini dai sei mesi agli otto anni dovrebbero fare una prima iniezione a inizio stagione e un successivo richiamo. Il vaccino intranasale è invece sconsigliato perché nella scorsa stagione si è mostrato poco efficace contro alcuni ceppi. La policy è indirizzata in primo luogo ai medici e pediatri di famiglia che, grazie al loro contatto diretto con i cittadini, possono determinare il successo di una campagna di prevenzione.

Gli esperti sottolineano in particolare che i farmaci antivirali possono aiutare a controllare l'influenza ma non sono sostituti del vaccino. Gli unici antivirali raccomandati per la prossima stagione sono l'oseltamivir, inibitoreselettivo degli enzimi neuraminidasi ad assunzione orale, e lo zanamivir da prendere per inalazione.


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Schramm - La farmacia online
vai al download >>

SUL BANCO