Sanità

lug22018

Vaccini, Grillo: no a cancellazione obblighi, si lavora a proroga per iscrizione scolastica

Vaccini, Grillo: no a cancellazione obblighi, si lavora a proroga per iscrizione scolastica
Non ci sono ipotesi di cancellazione dell'obbligo di certificazione delle vaccinazioni per l'iscrizione a scuola ma si lavora a una sorta di proroga alla data del 10 luglio, termine ultimo per presentare l'autocertificazione per poter essere iscritti. Queste le intenzioni del ministro della Salute Giulia Grillo rese note dal ministero e confermate dall'Istruzione che dice "che si sta lavorando per un corretto avvio dell'anno scolastico. Il ministro Grillo, fanno sapere dal ministero, ha già spiegato che non ci saranno problemi per i ragazzi che dovranno iscriversi e che, quindi, si sta preparando una sorta di proroga alla data del 10 luglio, termine ultimo per presentare l'autocertificazione per essere iscritti e frequentare la scuola. La revisione dell'obbligo vaccinale per l'iscrizione a scuola è prevista dal Contratto di Governo ed è stata riaffermata nei giorni scorsi dal vicepremier Matteo Salvini. Il ministro della Salute, da parte sua ha ribadito che i vaccini "sono un fondamentale strumento di prevenzione sanitaria primaria" e che "in discussione a livello politico sono solo le modalità migliori attraverso le quali proporli alla popolazione".

La scadenza del 10 luglio è prevista dalla legge e dalla circolare del ministeriale dello scorso 16 agosto. Quanto alle vaccinazioni, la legge sull'obbligo vaccinale per la frequenza scolastica dispone che dieci vaccinazioni siano obbligatorie per i minori di età compresa tra zero e sedici anni (ovvero 16 anni e 364 giorni), inclusi i minori stranieri non accompagnati per la medesima classe di età, in base alle specifiche indicazioni contenute nel Calendario vaccinale nazionale vigente nel proprio anno di nascita.

Le vaccinazioni obbligatorie sono: anti-poliomielitica, anti-difterica, anti-tetanica, anti-epatite B, anti-pertosse, anti-Haemophilus influenzae tipo b, anti-morbillo, anti-rosolia, anti-parotite, anti-varicella. La legge estende quindi il novero delle vaccinazioni obbligatorie includendo l'anti-pertosse, l'anti-Haemophilus influenzae tipo b, l'anti-morbillo, l'anti-rosolia, l'anti-parotite e l'anti-varicella, "in ragione - si legge nella circolare - della loro elevata contagiosità". Tali vaccinazioni sono, pertanto, obbligatorie e gratuite e devono essere offerte in maniera attiva e gratuita, secondo le specifiche indicazioni del Calendario vaccinale nazionale. Le vaccinazioni che sono invece raccomandate e gratuite per i minori di età compresa tra zero e sedici anni, sempre in base alle specifiche indicazioni del Calendario vaccinale nazionale relativo a ciascuna coorte di nascita, sono: anti-meningococcica B, anti-meningococcica C, anti-pneumococcica, anti-rotavirus.
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>
separa
Principi e Pratica Clinica
Garattini S., Bertelè V. Farmaci sicuri
vai al download >>

SUL BANCO