Sanità

feb192020

Vendita farmaci su internet, No dei farmacisti francesi alle piattaforme online

Vendita farmaci su internet, No dei farmacisti francesi alle piattaforme online

I farmacisti francesi si sono uniti contro la semplificazione della vendita di farmaci via internet su piattaforme, proposta dal ministero della Salute con il disegno di legge "Accelerazione e semplificazione della action public"

I farmacisti francesi, dagli studenti ai titolari di farmacia si sono schierati per ribadire con fermezza al ministero della Salute le loro argomentazioni contro la semplificazione della vendita di farmaci via internet su piattaforme, come proposto nell'articolo 34 del disegno di legge di Accelerazione e semplificazione della "action public". Lo riporta la testata nazionale di settore Le quotidien du pharmacien (Lequotidiendupharmacien.fr) segnalando una riunione in cui il presidente del Consiglio nazionale dell'Ordine dei farmacisti, l'Accademia di farmacia, i due sindacati, e l'Associazione nazionale degli Studenti di farmacia di Francia hanno ricordato all'unisono la loro posizione davanti ai rappresentanti del Ministero della sanità e del Ministero dell'economia e delle finanze.

I motivi della contestazione

Tre i punti invalicabili secondo i farmacisti: «Rifiutiamo le piattaforme, la delocalizzazione dei magazzini e la separazione del fatturato dall'attività di e-commerce dal fatturato complessivo. Tutto questo rischia di ridurre automaticamente il numero di collaboratori - dice Philippe Besset presidente della Federazione dei sindacati dei farmacisti (Fspf) -. Non abbiamo dichiarato al governo che siamo contrari alla tecnologia digitale purché avvicini i pazienti e non li allontani».
Gilles Bonnefond, presidente del'Union des syndicats de pharmaciens d'officine (Uspo), ha ribadito «la totale incoerenza del testo di legge di fronte ai recenti evoluzioni della professione di farmacista e della regolamentazione della professione. Tutte queste riforme riguardano l'uso corretto del farmaco. Perché aver messo gli antidolorifici dietro il bancone per poi dare la possibilità di trovare tutti questi farmaci, compresi gli antidolorifici, in vendita su Internet?».
I rappresentanti della professione ritengono di essere stati ascoltati dalle autorità pubbliche, il che li ha incoraggiati a presentare proposte e si adopereranno innanzitutto per ottenere, se non la cancellazione totale della'art. 34 della legge Asap, almeno i suoi elementi critici. Un primo incontro alla fine della giornata presso la Commissione per gli affari sociali del Senato sarà dedicato a questo argomento, prima che questo testo entri in seduta pubblica al Palais du Luxembourg nelle prossime settimane.
Philippe Besset vuole cogliere l'occasione di questa legge: «Proponiamo, ad esempio, di semplificare gli acquisti di gruppo all'interno di strutture di raggruppamento di acquisti (Sra) che dovranno essere riconosciute come farmacie dalle aziende. Analogamente, nel calcolo del numero di collaboratori richiederemo la separazione del fatturato realizzato da farmaci costosi. Visto che introduciamo la semplificazione, potremmo anche creare strumenti utili alla professione».
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO