Login con

Salute benessere

29 Gennaio 2024

Anemia, Oms: dimezzare i casi entro 2050. Dai farmacisti contributo in screening, monitoraggio terapie e definizione linee guida

Nella forma legata alla carenza di ferro, l’anemia colpisce soprattutto le donne in gravidanza. L’obiettivo dell’Oms è dimezzare i casi entro il 2025 e i farmacisti hanno la possibilità di contribuire al raggiungimento del target

di Sabina Mastrangelo


Anemia, Oms: dimezzare i casi entro 2050. Dai farmacisti contributo in screening, monitoraggio terapie e definizione linee guida

Attraverso il coinvolgimento nello screening e nella gestione dell’anemia da deficit di ferro, i farmacisti hanno la possibilità di contribuire al raggiungimento dell’obiettivo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) che vuole dimezzare, entro il 2025, i casi di anemia tra le donne in gravidanza, una delle popolazioni più colpite insieme ai bambini. Il contributo del farmacista, inoltre, si può estendere alla sensibilizzazione della popolazione sulla problematica, nonché alla corretta gestione delle terapie. A parlarne è una review pubblicata su Exploratory Research in Clinical and Social Pharmacy da un gruppo coordinato da Sherly Meilianti, dell’International Pharmaceutical Federation.  

Diffusione dell’anemia e conseguenze nel lungo periodo
L’anemia da deficit di ferro è la principale causa di anemia a livello globale e rappresenta un problema di sanità pubblica che ha una prevalenza più alta nei bambini e nelle donne in gravidanza. L’Oms stima che l’anemia interessi mezzo miliardo di donne in età riproduttiva, tra 15 e 49 anni, il 40% delle donne in gravidanza e il 42% dei bambini sotto i cinque anni. Le conseguenze dell’anemia possono essere immediate o più a lungo termine. Per esempio, le donne in gravidanza che hanno anemia andranno incontro, con una maggiore probabilità a morte prematura del feto, a un basso peso alla nascita del neonato e a mortalità materna e perinatale, mentre più in generale, l’anemia è associata ad alterazione cognitiva e delle capacità fisiche, riduzione della produttività, aumento della suscettibilità alle infezioni e di morbildità e mortalità. Per quel che riguarda bambini e adolescenti, invece, l’anemia è associata a scarse capacità cognitive, scarse performance scolastiche e problemi comportamentali.  

Il ruolo del farmacista
Lo studio ha preso in considerazione 16 articoli sul ruolo del farmacista nella gestione dell’anemia, oltre a condividere con un focus group quanto emerso dall’analisi dei dati pubblicati. Dall’indagine è emerso che in letteratura, il ruolo del farmacista nella gestione dell’anemia varia dall’assistenza ai pazienti al monitoraggio delle terapie, fino alla collaborazione con altri operatori sanitari e al coinvolgimento nello sviluppo di linee guida. Alcuni studi, poi, hanno evidenziato i vantaggi nel dare alle donne in gravidanza la possibilità di sottoporsi agli esami diagnostici direttamente in farmacia. Inoltre, il farmacista ha l’opportunità di fornire educazione sanitaria sull’anemia, contribuendo, a livello comunitario, ad aumentare la conoscenza degli effetti collaterali e della prevalenza dell’anemia da deficit di ferro. In questo modo, il farmacista può aiutare nella diagnosi e nel trattamento precoci.

Infine, i farmacisti hanno un ruolo nel counselling dell’anemia e nel monitoraggio dell’aderenza alle terapie; un aspetto importante soprattutto perché le terapie a base di ferro possono dare effetti collaterali che possono influire negativamente sull’aderenza al trattamento.

Explor Res Clin Soc Pharm (2023) – doi: 10.1016/j.rcsop.2023.100231

TAG: INTEGRATORI ALIMENTARI, ANEMIA, FERRO, CARENZE NUTRIZIONALI

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

17/04/2024

A Grosseto le Farmacie comunali aprono un centro estetico all’interno di una loro sede, si chiama “Boutique del benessere” poiché chi entra accede a “un mondo di relax per il corpo e...

A cura di Redazione Farmacista33

17/04/2024

Ci sono 56 università italiane nella classifica mondiale dei migliori atenei. Tre sono nella top 50 mondiale tra cui l'Università degli Studi di Milano, prima tra le italiane in cinque settori...

A cura di Francesca Giani

16/04/2024

Presentati oggi a Roma i dati dell'indagine di Cittadinanzattiva sull'obesità: coimvolte scuole e farmacie in Piemonte, Lazio e Sicilia. Le 9 priorità per Governo e istituzioni sanitarie

A cura di Redazione Farmacista33

16/04/2024

Nel mese di marzo a Roma è stata condotta un’iniziativa di screening per il tumore del colon retto aperto a tutti con i farmacisti dell'Associazione farmacisti volontari per la Protezione civile...

A cura di Redazione Farmacista33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

EG STADA Group lancia LopiGLIK

EG STADA Group lancia LopiGLIK

A cura di EG Stada Group

Nel 2023 i ricavi di Labomar, azienda leader in ambito nutraceutico, toccano i 103,6 milioni di euro (+12,8%), mentre l’Ebitda Adjusted si attesta a 19,3 milioni di euro (+16,6%)

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top