Login con

farmacisti

05 Marzo 2024

Responsabilità professionale in sanità: da metà marzo in vigore il decreto

È in Gazzetta ufficiale il decreto attuativo che definisce le regole sulla responsabilità professionale degli operatori sanitari e linee guida essenziali sulle polizze assicurative

di Simona Zazzetta


Responsabilità professionale in sanità: da metà marzo in vigore il decreto

Atteso dal 2017 è in Gazzetta ufficiale il decreto attuativo (n. 2321 del 15 dicembre 2023) che definisce le regole sulla responsabilità professionale degli operatori sanitari e linee guida essenziali sulle polizze assicurative. Il decreto attuativo della legge Gelli (Farmacista 33 – 01 marzo 2017), entrerà in vigore il 16 marzo 2024.

Le novità introdotte: nuove regole e linee guida
Il settore sanitario è uno dei contesti in cui la responsabilità professionale gioca un ruolo cruciale, considerando l'importanza delle decisioni e delle azioni dei professionisti della salute e delle strutture sanitarie sul benessere e sulla salute dei pazienti. La mancanza di una normativa in materia di assicurazioni e responsabilità ha generato incertezza tra i professionisti e creato difficoltà nell'individuare le polizze più adeguate, con costi spesso elevati. Il nuovo decreto, come spiegano diverse consulenti legali e del lavoro, interviene per perimetrare questi aspetti, stabilendo le classi di rischio e i relativi massimali per professionisti e strutture sanitarie. Una delle distinzioni introdotte dal decreto è quella tra la responsabilità del professionista e quella della struttura sanitaria. Questa differenziazione determina le dinamiche assicurative e i relativi massimali e soglie.

Le compagnie assicurative, infatti, dovranno adeguarsi alle nuove normative e offrire polizze conformi al nuovo regolamento e agli indirizzi stabiliti annualmente dai Ministeri competenti. I limiti massimali potranno variare annualmente in base a specifiche decisioni ministeriali, e gli assicuratori avranno due anni di tempo per adeguarsi alle nuove linee guida. Inoltre, viene introdotto un meccanismo di ricalcolo del premio assicurativo che tiene conto dei sinistri riscontrati, al fine di adeguare il costo della polizza ad ogni scadenza. Sono stabiliti massimali specifici per i professionisti sanitari, che variano da un milione a due milioni di euro per sinistro, a seconda dell'ambito specifico. Ogni singolo professionista potrà scegliere se sottoscrivere una polizza individuale o aderire a una polizza collettiva, tramite accordi stipulati dalle strutture sanitarie, dai sindacati o da altri enti preposti.

Decreto pone fine a incertezze
Il decreto attuativo è stato accolto come un’importante novità: per l’avvocato giuslavorista Giovanni Costantino si tratta “un passo avanti per professionisti e pazienti. Inoltre, per la prima volta si interviene sulle “misure analoghe” alla copertura assicurativa, previste dal Legislatore ma non disciplinate. È giusto fornire finalmente un quadro normativo certo per dare agli operatori maggiore serenità”.
Secondo Costantino, il provvedimento interviene a dettare requisiti certi per i contratti di assicurazione alla cui stipula sono tenuti gli esercenti le professioni sanitarie e le strutture.
“È un bene - afferma l’avvocato - che si sia finalmente posto fine al regime di incertezza che durava da troppi anni. Si tratta di un passo in avanti, sia per i pazienti che per i professionisti, cui occorre riconoscere una adeguata tutela, soprattutto quando sono esposti a rischi, di vario genere, per il bene delle persone assistite. Più che per l’individuazione dei diversi massimali minimi delle polizze - prosegue il giuslavorista - il decreto è interessante perché interviene per la prima volta a declinare e disciplinare le cosiddette “misure analoghe” alla copertura assicurativa per la responsabilità civile verso terzi che il Legislatore aveva previsto che potessero essere attuate dalle strutture sanitarie e sociosanitarie proprio in alternativa alla stipula delle polizze. Per la prima volta, tali misure «non sono lasciate al buon senso e alla discrezionalità delle strutture ma sono individuate le modalità di funzionamento e di controllo. L’auspicio - conclude l’avvocato - è che la definizione di un quadro normativo certo in un ambito così delicato possa consentire alle strutture e ai professionisti che operano al loro interno di dedicarsi all’erogazione delle cure migliori, allontanando la paura del contenzioso che ormai aleggia inevitabile ogni qualvolta il risultato ottenuto sia diverso da quello sperato”.

TAG: GAZZETTA UFFICIALE, ASSICURAZIONE, PROFESSIONE, DECRETO, FARMACISTI, OPERATORI

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

15/04/2024

Nasce l’Executive Master in “Clinical pharmacy - management dei disturbi minori e della farmacia dei servizi” un percorso promosso da Milano School of management dell’università statale di...

A cura di Redazione Farmacista33

15/04/2024

L’Assemblea delle Società Titolari di Farmacia nella sua prima riunione ha eletto un componente del Consiglio di Presidenza di Federfarma, e i componenti dell’Assemblea Nazionale di Federfarma....

A cura di Redazione Farmacista33

13/04/2024

Sono stati introdotti alcuni aggiornamenti sui criteri per inserire informazioni essenziali in etichetta di confezioni di farmaci veterinari di piccole dimensioni e sul termine di validità della...

A cura di Francesca Giani

12/04/2024

Nel mese di marzo il ministero della Salute ha aggiornato le tabelle delle sostanze stupefacenti e psicotrope con 4 diversi decreti: ecco le novità inserite

A cura di Redazione Farmacista33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Pidocchi in agguato

Pidocchi in agguato

A cura di Viatris

Nella seduta del Consiglio di Amministrazione dell’AIFA del 17 aprile 2024 è stato adottato il regolamento che disciplina l’organizzazione ed il funzionamento della Commissione Scientifica ed...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top