Login con

Salute benessere

12 Marzo 2024

Salute dei reni nei diabetici, attività fisica supporta prevenzione della malattia renale cronica

Un nuovo studio mostra che l’attività fisica di intensità da moderata a vigorosa è collegata ad una riduzione del rischio di sviluppare malattia renale cronica nelle persone in sovrappeso/obese con diabete di tipo 2

di Paolo Levantino - Farmacista clinico


Salute dei reni nei diabetici, attività fisica supporta prevenzione della malattia renale cronica

Un nuovo studio, pubblicato sul British Journal of Sports Medicine rileva che anche un modesto incremento di poco più di un'ora nell'attività fisica settimanale è associato a un notevole calo del rischio, pari al 33%. Ciò che emerge con chiarezza è che gli effetti positivi si manifestano sia per brevi periodi che per sessioni più prolungate. Tali risultati aggiungono così un importante tassello alla comprensione del legame tra attività fisica e salute renale, fornendo una prospettiva fondamentale per la gestione clinica.

L’effetto dell’esercizio fisico sulla funzionalità renale nei pazienti diabetici
Il diabete è la principale causa di malattia renale cronica (CKD), rappresentando il 30-50% di tutti i casi.  Le prove indicano che l'esercizio fisico, nel breve termine, può migliorare la funzionalità renale nei pazienti affetti da diabete di tipo 2. Tuttavia, la questione se questi benefici si estendano nel lungo termine e siano influenzati dalla durata delle sessioni di allenamento rimane aperta. Per risolvere questo quesito, i ricercatori hanno condotto un'analisi secondaria dei dati dello studio Look AHEAD, coinvolgendo 1.746 partecipanti diabetici, in sovrappeso/obesi, con un'età media di 58 anni.  

Riduzione del rischio di CKD fino al 33%
Complessivamente, un aumento cumulativo della media settimanale di attività fisica è stato correlato a un rischio inferiore del 9% e del 19% se tali periodi si protraggono per almeno 10 minuti alla volta. Inoltre, incrementare l'attività fisica di almeno un'ora alla settimana nei primi 4 anni di studio ha dimostrato di ridurre il rischio del 33%. Un rischio inferiore di progressione verso la CKD è stato osservato anche per aumenti dell’attività fisica da moderata a vigorosa accumulati in periodi sia <10 minuti che ≥10 minuti.

Attività fisica regolare ha effetti antiinfiammatori diretti e migliora gli esiti clinici
I ricercatori sottolineano che “Questi risultati sono coerenti con l’evidenza che l’attività fisica regolare ha effetti antinfiammatori diretti e può promuovere il controllo glicemico, migliorare la sensibilità all’insulina, la pressione sanguigna, i profili lipidici e altri fattori di rischio metabolici e cardiovascolari, tutti fattori che sono associati alla funzionalità renale.  Inoltre, l’associazione tra attività fisica da moderata a intensa e la progressione verso malattia renale cronica era quasi lineare, senza un plateau osservabile o una soglia chiara, suggerendo che le persone con diabete dovrebbero essere incentivate a impegnarsi in un'intensità di esercizio fisico quanto più elevata possibile, fino al limite della loro tolleranza, al fine di massimizzare i benefici.”

https://bjsm.bmj.com/content/early/2024/01/03/bjsports-2023-107564


TAG: SPORT, PIANI DI PREVENZIONE PER LA SALUTE, DIABETE, COMPLICAZIONI DEL DIABETE, MALATTIE DEL RENE, ATTIVITà FISICA

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

10/05/2024

Il farmacista in virtù del rapporto di fiducia si instaura con le persone, può fungere da ponte per un’assistenza specifica chi soffrono di problemi di salute mentale

A cura di Sabina Mastrangelo

09/05/2024

I Paesi in cui la vaccinazione in farmacia è autorizzata sono in costante crescita e anche in molti dei territori in cui allo stato attuale tale possibilità non è prevista si rilevano pressioni...

A cura di Francesca Giani

09/05/2024

IBSA Italy  lancia la campagna nazionale di sensibilizzazione "Not a Good Moarning?", con il patrocinio di ANMAR ODV - Associazione Nazionale Malati Reumatici: sensibilizzare sui sintomi spesso...

A cura di Redazione Farmacista33

09/05/2024

Nella conferenza stampa del Governo sull’aggiornamento delle attività del Piano nazionale di prevenzione sull'abuso di fentanyl, è stata chiesta prudenza anche nel circuito di approvvigionamento...

A cura di Francesca Giani

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Quest’anno il Natale è una coccola di benessere

Quest’anno il Natale è una coccola di benessere

A cura di Lafarmacia.

Un’indagine che ha coinvolto più di settemila tra operatori sanitari, bambini e ragazzi, con e senza infezione confermata da virus SARS-CoV-2 ha rilevato che i sintomi associati al Long Covid...

A cura di Sabina Mastrangelo

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top