Login con

farmacie

22 Maggio 2024

Farmacia dei servizi, Assofarm risponde a Dataroom: pieno di inesattezze e pregiudizi

Assofarm replica all’articolo pubblicato dal Corriere della Sera dal titolo “Farmacia-ambulatorio chi ci guadagna davvero” a firma di Milena Gabanelli e Simona Ravizza e della rubrica Dataroom in onda all’interno del TG La7

di Redazione Farmacista33


Farmacia dei servizi, Assofarm risponde a Dataroom: pieno di inesattezze e pregiudizi

 Pubblichiamo integralmente la replica di Assofarm in merito ai contenuti dell’articolo comparso sul Corriere della Sera dal titolo “Farmacia-ambulatorio chi ci guadagna davvero” e della rubrica Dataroom in onda all’interno del TG La7.

“Sembra di essere tornati a prima della pandemia, quando eravamo additati come il ramo secco della sanità italiana, come una ricca corporazione ipertutelata”: questo il primo commento a caldo del presidente di Assofarm Luca Pieri dopo la lettura del lungo articolo di Milena Gabanelli sulla Farmacia dei Servizi pubblicato ieri sul Corriere della Sera.

“Colpisce il fatto che una grande firma con la fama di documentarsi attentamente scriva inesattezze così grossolane - continua il vertice della Federazione delle Farmacie Comunali italiane - dai supposti compensi stratosferici per i farmaci antitumorali fino alla sostituzione di medici e altri professionisti sanitari. Sono affermazioni così lontane dalla realtà, una realtà peraltro facilmente rintracciabile nei testi ufficiali, che davvero lasciano poco spazio ad un confronto sui contenuti. Come del resto è imbarazzante l’allusione ad una supposta lobby dei farmacisti presenti alla Camera dei Deputati: chiunque abbia una conoscenza anche superficiale del Parlamento sa bene che appena quattro onorevoli non possono fare molto. Quanti sono i medici eletti? Quanti gli avvocati? Perché non vengono spese parole simili per categorie che hanno ben altri pesi specifici?”

Infine, si rigetta la sorta di antitesi creata da Dataroom tra ospedali e case di comunità da un lato, e farmacie dall’altro. Secondo Assofarm, lo sviluppo dei servizi sanitari in farmacia è proprio un contributo importante a quella necessità di “rinforzare ospedali e case di comunità” auspicato dalla stessa giornalista. In un contesto caratterizzato dalla strutturale mancanza di medici e infermieri, solo la sinergia tra soggetti territoriali può risolvere le criticità della sanità italiana.

Accanto ad una presa di distanza netta dalla prospettiva assunta da Milena Gabanelli, Assofarm si sforza di raccogliere qualche stimolo positivo da un testo giornalistico che in sé di positivo ha ben poco.

In particolare, anche le Farmacie Comunali italiane sono convinte che il futuro dei servizi in farmacia richieda più regole di quelle oggi presenti nei primi provvedimenti legislativi. In questo senso, ben prima dell’articolo del Corriere, Assofarm aveva pubblicamente auspicato l’avvio di un processo di vero e proprio accreditamento della Farmacia dei Servizi presso il SSN, immaginando standard di servizio più elevati, raggiungibili attraverso percorsi formativi ad hoc per i farmacisti.

Al contempo andrebbero anche intraprese azioni formali che sostengano le piccole farmacie di periferia e le farmacie rurali, presidi che probabilmente non hanno e non avranno gli spazi e le risorse da dedicare ai servizi, così come prefigurati dalle norme attuali, ma che servono un’utenza che di quei servizi avrà certamente bisogno.

“La Farmacia dei Servizi - conclude Pieri - è una storia lunga e complessa. Tutti noi l’abbiamo vissuta compiendo certamente errori, ma nel complesso in essa si può leggere un percorso di crescita professionale ed etica del nostro settore. Che peraltro ha avuto una sorta di realizzazione ante litteram nei mesi tragici della crisi pandemica, durante la quale abbiamo dimostrato che eravamo pronti per i servizi ancor prima che essi ci venissero riconosciuti e, soprattutto, remunerati. Bollare oggi questa storia come una scorciatoia per risolvere i problemi della Sanità italiana, così dice la giornalista del Corriere, è qualcosa di offensivo verso chi è impegnato tutti i giorni a realizzare sul campo la Sanità Pubblica italiana”.

TAG: FARMACIA DEI SERVIZI, ASSOFARM

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

13/06/2024

Numeri, analisi e prospettive della cosmesi e dermocosmesi in farmacia a Pharmevolution, dall’11 al 13 ottobre a Catania

A cura di Redazione Farmacista33

13/06/2024

Un corso di formazione a Milano il 20 giugno sull'“Utilizzo dell’Intelligenza Artificiale nel settore farmaceutico: applicazioni, impatti e prospettive future”

A cura di Redazione Farmacista33

12/06/2024

La Basilicata registra un bilancio positivo al termine del primo mese di sperimentazione della “Farmacia dei Servizi”, coinvolgendo 130 farmacie nelle due province. Dati da 75 strutture mostrano...

A cura di Giulia Vismara

12/06/2024

Le associazioni di parafarmacie e il Movimento Nazionale Liberi Farmacisti tornano sul tema delle liberalizzazioni del settore per dare maggiore forza alla farmacia dei servizi e offrire maggiori...

A cura di Redazione Farmacista33

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Nuxe presenta Merveillance Lift Glow

Nuxe presenta Merveillance Lift Glow

A cura di Nuxe

Johnson & Johnson Innovative Medicine rafforza il proprio impegno in Italia con un piano di investimento di 580 milioni di euro nei prossimi cinque anni. Di questi, 125 milioni di euro saranno...

A cura di Giulia Vismara

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top