Login con

Salute benessere

07 Giugno 2024

Smettere di fumare, nuova app offre nuove prospettive di efficacia rispetto a metodi tradizionali

Uno studio recente, pubblicato su The Lancet Regional Health - Europe, ha rilevato che le app possono essere degli strumenti efficaci di supporto per i fumatori di lunga data nel loro percorso verso la cessazione del fumo

di Paolo Levantino - Farmacista clinico


Smettere di fumare, nuova app offre nuove prospettive di efficacia rispetto a metodi tradizionali

I metodi tradizionali per smettere di fumare comprendono materiale scritto, consulenza, terapia sostitutiva della nicotina (NRT) e farmaci per smettere di fumare. Sebbene tutti i mezzi sopra menzionati si siano dimostrati efficaci per smettere di fumare, i loro benefici variano in base alla modalità di azione e alle differenze individuali. L’adozione su larga scala di smartphone e dispositivi mobili ha aperto nuove possibilità per approcci scalabili e personalizzati alla cessazione del fumo. 

L’importanza di smettere di fumare e dello screening
Il cancro al polmone è la principale causa di mortalità per cancro nel mondo occidentale, mentre il fumo è il fattore di rischio più importante per la malattia.Il cancro del polmone è spesso asintomatico nelle fasi iniziali e, come tale, viene spesso diagnosticato in un contesto di malattia avanzata in cui i trattamenti con intento curativo non sono fattibili. Lo screening annuale del cancro al polmone di individui con una marcata storia di fumo mediante tomografia computerizzata a basso dosaggio (LDCT) può indurre uno spostamento di stadio verso la malattia localizzata, ridurre la mortalità e, possibilmente, aumentare la sopravvivenza globale .Un nuovo studio ha valutato se un’applicazione per smartphone sarebbe più efficace del materiale scritto per smettere di fumare nei soggetti sottoposti a screening con tomografia computerizzata a basse dosi (LDCT) per il cancro del polmone.

L’integrazione dell’app nei programmi di cessazione del fumo triplica le probabilità di successo
I ricercatori hanno coinvolto 201 fumatori con una marcata storia di fumo (≥ 15 sigarette al giorno per ≥ 25 o ≥ 10 sigarette al giorno per ≥ 30 anni), che sono stati randomizzati in due gruppi: uno ha utilizzato l'applicazione mobile, mentre l'altro ha ricevuto materiale scritto. I risultati indicano che l’uso attivo dell’applicazione ha migliorato significativamente le possibilità di smettere di fumare. In particolare, dopo un follow-up di tre mesi, il 20% di coloro che utilizzavano l'applicazione avevano smesso di fumare , rispetto al 7% del gruppo che aveva ricevuto materiale scritto e tale risultato positivo si è mantenuto anche al follow-up di sei mesi. Anche tra coloro che non hanno smesso completamente di fumare, una quota maggiore di soggetti che ha utilizzato l’app ha ridotto significativamente il fumo rispetto al gruppo controllo. 

App basata sulla terapia cognitivo comportamentale
L'applicazione mobile si basa sulla terapia cognitivo-comportamentale (CBT), mirata ad aumentare la consapevolezza dei comportamenti dannosi per la salute e a sostenere il ruolo attivo dell'individuo nella regolazione del proprio comportamento. L’app include, inoltre, sondaggi settimanali sui sintomi, esercizi di consapevolezza e una persona di supporto virtuale.
In ulteriori studi, i ricercatori si concentreranno sullo studio dell’efficacia dell’applicazione mobile al di fuori del contesto dello screening del cancro al polmone e in combinazione con altri metodi per smettere di fumare.

https://www.thelancet.com/journals/lanepe/article/PIIS2666-7762(24)00113-3/fulltext 

TAG: APP, SMARTPHONE, SMETTERE DI FUMARE, FUMO, DIGITALE

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

17/07/2024

La ricerca di Transcrime, presentata all’inizio di luglio, offre spunti di riflessione su come i siti illegali usando strategie evolute possano aggirare le attuali conoscenze ingannare gli utenti

A cura di Francesca Giani

17/07/2024

Oggi alle ore 14.30 verrà presentata l'XI edizione di FarmacistaPiù il congresso dei farmacisti italiani promosso da Federfarma, Fondazione Francesco Cannavò, UTIFAR, con il patrocinio della...

A cura di Redazione Farmacista33

17/07/2024

Nella città di Milano si registra un aumento dei casi di sindromi simil-influenzali che si possono ricondurre al Covid ma senza un tampone “diventa molto difficile fare la diagnosi...

A cura di Redazione Farmacista33

17/07/2024

Un’indagine sui sintomi riferiti nel periodo 2018-2019 e 2020-2021, dai genitori di bambini con asma evidenzia che la vaccinazione contro il Covid-19 è associata a una riduzione del tasso di...

A cura di Sabina Mastrangelo

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Il benessere parte dalla testa

Il benessere parte dalla testa

A cura di Lafarmacia.

I passaggi che il farmacista deve compiere quando un farmaco non si trova nella Guida informativa per farmacisti e operatori sanitari "Non Si Trova – Carenze e indisponibilità di farmaci”,...

A cura di Francesca Giani

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top