Login con

diagnostica

14 Giugno 2024

Demenza, nuovo test predittivo con nove anni di anticipo

Un test elaborato da ricercatori inglesi apre nuove prospettive nella lotta, in termini di prevenzione, alle malattie neurodegenerative

di Redazione Farmacista33


 Demenza, nuovo test predittivo con nove anni di anticipo

Un innovativo test sviluppato dai ricercatori della Queen Mary University di Londra si è dimostrato efficace nel prevedere l'insorgenza della demenza fino a nove anni prima della diagnosi ufficiale, con un'accuratezza superiore all'80%. Descritto in un recente studio pubblicato su Nature Mental Health, il nuovo metodo rappresenta un significativo passo avanti rispetto ai tradizionali test di memoria e alle misurazioni del restringimento cerebrale.

Questo innovativo test predittivo rappresenta un importante passo avanti nella lotta contro la demenza, offrendo nuove speranze per la prevenzione e il trattamento della malattia di Alzheimer e altre forme di demenza.

Prevenire la perdita irreversibile di cellule cerebrali

Il team di ricerca, guidato dal professor Charles Marshall, ha sviluppato il test analizzando le scansioni di risonanza magnetica funzionale (fMRI) per individuare cambiamenti nella rete di modalità predefinita (DMN) del cervello. La DMN è una rete neurale che collega diverse regioni cerebrali per svolgere specifiche funzioni cognitive ed è la prima a essere colpita dalla malattia di Alzheimer.

I ricercatori hanno utilizzato le fMRI di oltre 1.100 volontari della UK Biobank, un vasto database biomedico che contiene informazioni genetiche e sanitarie di mezzo milione di partecipanti del Regno Unito. L'analisi si è concentrata sulla connettività tra dieci regioni del cervello che costituiscono la DMN, assegnando a ogni paziente un valore di probabilità di demenza basato sulla conformità del loro modello di connettività a quelli indicativi della malattia.

Confrontando le previsioni con i dati medici dei partecipanti, i risultati hanno dimostrato che il modello poteva prevedere con precisione l'insorgenza della demenza fino a nove anni prima della diagnosi ufficiale. Nei casi in cui i volontari hanno sviluppato la malattia, il modello era in grado di stimare, con un margine di errore di due anni, il tempo necessario per la diagnosi.

Oltre alla previsione della malattia, lo studio ha esaminato se i cambiamenti nella DMN potessero essere causati da fattori di rischio noti per la demenza. È emerso che il rischio genetico di Alzheimer è fortemente associato a tali cambiamenti, supportando l'idea che siano specifici della malattia. Inoltre, l'isolamento sociale è stato identificato come un fattore che può aumentare il rischio di demenza influenzando la connettività della DMN.

«Prevedere chi svilupperà la demenza in futuro sarà cruciale per sviluppare trattamenti che possano prevenire la perdita irreversibile di cellule cerebrali», ha affermato Marshall. «Speriamo che la misura della funzione cerebrale che abbiamo sviluppato ci permetta di essere molto più precisi nel determinare se una persona sta effettivamente per sviluppare la demenza, e in quanto tempo, in modo da poter identificare chi potrebbe beneficiare di trattamenti futuri».

Samuel Ereira, autore principale dello studio, ha aggiunto: «Utilizzando queste tecniche di analisi con grandi insiemi di dati, possiamo identificare le persone ad alto rischio di demenza e anche individuare quali fattori di rischio ambientali influiscono nello sviluppo della malattia. La fMRI è uno strumento di imaging medico non invasivo e richiede circa sei minuti per raccogliere i dati necessari; quindi, potrebbe essere integrato nei percorsi diagnostici esistenti».

TAG: DEMENZA, MALATTIE NEURO DEGENERATIVE, CERVELLO, ALZHEIMER

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

17/07/2024

La ricerca di Transcrime, presentata all’inizio di luglio, offre spunti di riflessione su come i siti illegali usando strategie evolute possano aggirare le attuali conoscenze ingannare gli utenti

A cura di Francesca Giani

17/07/2024

Oggi alle ore 14.30 verrà presentata l'XI edizione di FarmacistaPiù il congresso dei farmacisti italiani promosso da Federfarma, Fondazione Francesco Cannavò, UTIFAR, con il patrocinio della...

A cura di Redazione Farmacista33

17/07/2024

Nella città di Milano si registra un aumento dei casi di sindromi simil-influenzali che si possono ricondurre al Covid ma senza un tampone “diventa molto difficile fare la diagnosi...

A cura di Redazione Farmacista33

17/07/2024

Un’indagine sui sintomi riferiti nel periodo 2018-2019 e 2020-2021, dai genitori di bambini con asma evidenzia che la vaccinazione contro il Covid-19 è associata a una riduzione del tasso di...

A cura di Sabina Mastrangelo

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Una valida integrazione anche nei mesi più freddi

Una valida integrazione anche nei mesi più freddi

A cura di Lafarmacia.

La relazione finanziaria del Gruppo Chiesi per il 2023: Il fatturato 2023 supera i 3 miliardi di euro, con una crescita del 10% sull’anno precedente (+12%), impegno verso innovazione e...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top