Login con

farmacie

10 Luglio 2024

Ispezioni in farmacia. Dal verbale le indicazioni per controllare requisiti ed evitare sanzioni per illeciti

Le anomalie riscontrate in sede di visita ispettiva si possono evitare attraverso verifiche preventive e il verbale d'ispezione è una traccia che il farmacista può usare per accertare periodicamente il possesso dei requisiti e l'assolvimento degli obblighi previsti dalle disposizioni

di Francesca Giani


Ispezioni in farmacia. Dal verbale le indicazioni per controllare requisiti ed evitare sanzioni per illeciti

Comunicazioni relative al personale farmacista non effettuate, assenza dei documenti obbligatori, mancati adempimenti per la sostituzione del titolare o del direttore in caso di ferie o altre motivazioni. Sono alcune delle anomalie che possono essere riscontrate in sede di visita ispettiva ma che, al contempo, possono essere evitate attraverso verifiche preventive. Le indicazioni, anche su come effettuare un auto controllo dei requisiti, emergono nell’ambito di un corso Ecm organizzato dall’Ordine Interprovinciale dei Farmacisti di Bari-Bat dal titolo “L’attività ispettiva a farmacie, esercizi di vicinato e distributori”, che di recente è stato rilanciato. 

Il verbale di ispezione: utile strumento per accertare il possesso dei requisiti
L’attività ispettiva alle farmacie, alle parafarmacie e ai depositi di distribuzione all’ingrosso, si legge sul portale, che ha reso disponibili i materiali del corso, “rientra tra le competenze della Azienda Sanitaria Locale ed è esercitata mediante Commissioni di ispezione - i cui componenti sono, in parte, designati dall'Ordine - che operano con l’obiettivo di verificare l'esistenza dei requisiti di efficienza e di igiene posti a garanzia della salute pubblica”. I modelli di Verbale di ispezione, approvati dalle varie Regioni con efficacia sull'intero territorio regionale, “rappresentano lo strumento tecnico attraverso cui le risultanze dell’atto ispettivo vengono documentate e trasmesse alle autorità competenti per le conseguenze valutazioni e iniziative”. Il verbale “rappresenta al contempo anche una traccia che il farmacista può adoperare come utile strumento per accertare periodicamente il possesso dei requisiti e l'assolvimento degli obblighi previsti dalle disposizioni”.

Le tipologie di ispezioni: quando sono senza preavviso
Le ispezioni, viene ricordato, possono essere di vari tipi: oltre a quella preventiva – Locali, con cui si controlla l’idoneità di locali, ubicazione e impiego dei locali, prima del provvedimento di autorizzazione all’esercizio farmaceutico, c’è quella Preventiva, di tipo igienico sanitaria, successiva all’autorizzazione ma precedente all’apertura al pubblico, per verificare che la farmacia sia arredata e dotata delle necessarie scorte, in regola sotto il profilo sanitaria e in grado di iniziare la sua attività. A essere prevista è poi l’ispezione ordinaria che deve essere effettuata almeno ogni biennio. Prende in considerazione gli aspetti di tipo tecnico-professionale e prevede il controllo dell’intera regolarità dell’esercizio, per prevenire illeciti. Infine, c’è quella straordinaria che si effettua ogni volta che l’Autorità competente lo ritenga opportuno e necessario, senza preavviso. La commissione che si presenta in farmacia, sia in caso di ispezione ordinaria sia straordinaria, ha il potere di ispezionare i locali, con tutto ciò che la farmacia contiene. Va comunque effettuata in presenza del titolare o del direttore.

Le indicazioni per farsi trovare pronti e i documenti necessari
Ma quali sono le raccomandazioni per farsi trovare pronti? Una prima indicazione emersa è che tutti i collaboratori abbiano pronto ed ostensibile il tesserino di iscrizione all’Ordine dei Farmacisti. Il camice bianco deve essere indossato solo dai farmacisti e deve riportare il distintivo dell’Ordine. Quanto ai registri obbligatori questi devono essere facilmente reperibili: registro di entrata e uscita degli stupefacenti e tutti i documenti correlati, ricette stupefacenti, buoni acquisto, fatture, verbali di distruzione, e così via, da conservare per un periodo di due anni dall’ultima registrazione effettuata sul registro di entrata e uscita degli stupefacenti. Inoltre va dimostrata la corretta conservazione del registro copia veleni, obbligatorio per la cessione di prodotti per uso industriale, agricolo o artigianale.
Una particolare attenzione poi va data anche alle pubblicazioni e ai cartelli e avvisi obbligatori ostensibili al pubblico: tra questi in particolare la Farmacopea ufficiale nel testo vigente - XII - con supplementi ed eventuali integrazioni e/o aggiornamenti; la Tariffa nazionale per la vendita al pubblico dei medicinali, che deve essere presente sempre, anche qualora la farmacia non effettui preparazioni; la lista di trasparenza Aifa; il listino dei prezzi dei farmaci Sop e Otc praticati al pubblico dalla farmacia; il Decreto di apertura della farmacia. All’esterno della farmacia va collocato anche l’elenco delle farmacie di turno (diurno e notturno) e gli orari di apertura della farmacia. Tra le altre raccomandazioni c’è anche quella di esporre al pubblico le quote di partecipazione alla spesa per l’assistenza farmaceutica e idoneo cartello con l’indicazione delle prestazioni eseguite (telemedicina, Ecg, Holter, e così via). 

Attenzione alle comunicazioni obbligatorie alla Asl
Il focus va poi a due importanti passaggi: innanzitutto tra gli atti obbligatori cui occorre prestare attenzione c’è la necessità di comunicare all’Area Gestione Farmaceutica della ASL di competenza qualsiasi ampliamento/variazione destinazione d’uso dei locali della farmacia, allegando la nuova planimetria completa delle modifiche da autorizzare. È poi necessario anche mettere a disposizione la documentazione relativa alle comunicazioni (obbligatorie) sul personale farmacista, in caso di assunzione o anche di cessato servizio dei farmacisti collaboratori. Si tratta di comunicazioni che è fondamentale effettuare anche perché attestano il lavoro prestato dal collaboratore presso una determinata farmacia, utile in caso di concorso. 
Necessarie sono poi le comunicazioni in caso di sostituzione formale del titolare o del Direttore, per ferie o altre motivazioni: in caso di assenza dalla farmacia superiore a tre giorni, il Titolare o il Direttore di farmacia deve comunicare alla ASL di appartenenza e all’Ordine dei Farmacisti l’affidamento della conduzione tecnica ad altro farmacista iscritto all’Ordine dei farmacisti.

Il corso, che si è tenuto in due edizioni il 25 e il 26 maggio, è stato introdotto dal Sen. Dott. Luigi D’Ambrosio Lettieri, Presidente dell’Ordine Farmacisti Bari e Bat. 

https://www.farmacista33.it/aggiornamento-professionale/29222/ispezioni-in-farmacia-incontro-a-bari-focus-su-verbale-di-ispezione-strumento-utile-per-il-farmacista.html 

TAG: VERBALE DI ISPEZIONE, FARMACIE, PARAFARMACIE

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

17/07/2024

La ricerca di Transcrime, presentata all’inizio di luglio, offre spunti di riflessione su come i siti illegali usando strategie evolute possano aggirare le attuali conoscenze ingannare gli utenti

A cura di Francesca Giani

17/07/2024

Oggi alle ore 14.30 verrà presentata l'XI edizione di FarmacistaPiù il congresso dei farmacisti italiani promosso da Federfarma, Fondazione Francesco Cannavò, UTIFAR, con il patrocinio della...

A cura di Redazione Farmacista33

17/07/2024

Nella città di Milano si registra un aumento dei casi di sindromi simil-influenzali che si possono ricondurre al Covid ma senza un tampone “diventa molto difficile fare la diagnosi...

A cura di Redazione Farmacista33

17/07/2024

Un’indagine sui sintomi riferiti nel periodo 2018-2019 e 2020-2021, dai genitori di bambini con asma evidenzia che la vaccinazione contro il Covid-19 è associata a una riduzione del tasso di...

A cura di Sabina Mastrangelo

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Un aiuto contro la secchezza oculare

Un aiuto contro la secchezza oculare


L’Organizzazione mondiale della sanità ha pubblicato le “Linee guida consolidate sull'HIV testing differenziato” anche in previsione della Conferenza Internazionale sull'Aids attualmente in...

A cura di Simona Zazzetta

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top