Login con

Politica e Sanità

06 Giugno 2015

Servizi in farmacia, Francia: presa in carico asmatici non decolla


In Francia il bilancio preliminare del successo ottenuto dall'istituzione di nuovi servizi, remunerati, in farmacia segna un punto a sfavore per l'ultimo introdotto in ordine di tempo, quello che prevede la presa in carico del paziente asmatico cronico. Un risultato in controtendenza rispetto a quanto registrato con l'accompagnamento dei pazienti in terapia anticoagulante orale (Tao), un servizio realizzato da 8 farmacisti su 10 dal 2013 ad oggi, secondo i dati riportati da un'indagine effettuata dall'Union des syndicats de pharmaciens d'officine (Uspo). Dai questionari è emerso che 9 titolari su 10 ritengono che i colloqui farmacista-paziente migliorino il monitoraggio e la compliance dei pazienti in Tao, anche se il 92% giudica che richiedano decisamente più tempo di quanto previsto e che il livello di remunerazione non sia, di conseguenza, proporzionato. Per quanto riguarda l'accompagnamento dei pazienti con asma cronico, invece, il 96% dei farmacisti interrogati ha dichiarato di non averlo mai fatto per il momento e circa 7 su 10 non sono intenzionati a farlo nel corso del 2015. I problemi riportati a giustificazione di questo orientamento riguardano essenzialmente la retribuzione, il tempo e soprattutto - lo dichiara il 75% degli intervistati - l'eccessiva complicazione della procedura di reclutamento e una selezione troppo restrittiva dei pazienti. Per niente scoraggiata l'Uspo dichiara, in una nota ripresa da Le quotidien du pharmacien "il fallimento dei primi sei mesi del reclutamento di pazienti asmatici non deve rallentare lo sviluppo di nuovi servizi per i farmacisti" anzi occorre perseguire l'evoluzione della professione per "rinforzare il ruolo del farmacista all'interno della catena sanitaria". Anche perché, sottolinea in conclusione l'Uspo "i servizi di presa in carico non devono essere intesi a compensazione del ribasso dei margini sui medicinali, ma servire a trovare impulsi di crescita atti ad incrementare la sicurezza dei pazienti più fragili".

Elisabetta Lucchesini

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Proteggi la tua intimità ogni giorno - Saugella

Proteggi la tua intimità ogni giorno - Saugella

A cura di Viatris

La Sifap precisa che, in caso di carenza, se si ricorre a un preparato magistrale per medicinali a base di enzimi pancreatici la capsula deve avere...

A cura di Simona Zazzetta

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top