Login con

Politica e Sanità

16 Giugno 2015

Innovazione terapeutica, ancora troppi vincoli per accesso a nuovi farmaci


Fino a 9 passaggi per far arrivare un nuovo farmaco al paziente dopo l'approvazione dell'Agenzia europea dei medicinali e due anni per l'accesso nazionale e regionale. Non solo. Dieci-quindici anni di studi e ricerche e un investimento pari a oltre 2,5 miliardi di euro per lo sviluppo di una molecola che arriva al paziente, ma solo una sostanza su 10.000 ci arriva e solo 2 su 10 che ammortizzano i costi. Possono bastare questi numeri, presentati al Corso di formazione professionale Concetti e linguaggi dell'innovazione farmacologica promosso dal Master di comunicazione scientifica della Sapienza "La scienza nella pratica giornalistica" con il supporto della Fondazione Msd, svoltosi a Roma la scorsa settimana, per certificare la difficoltà del processo che conduce alla scoperta di nuove terapie. Un processo che in Italia è ulteriormente complicato da ostacoli burocratici, ritardi amministrativi e percorsi autorizzativi tortuosi. «Il 56% dei pazienti cronici non ha accesso alle terapie innovative» conferma Antonio Gaudioso, segretario generale di Cittadinanzattiva. «L'innovazione è frenata dalla burocrazia, ancora più complicata quando dal livello nazionale si passa ai Servizi sanitari regionali, che hanno procedure e tempi completamente diversi». Ciò nonostante la ricerca e l'innovazione farmacologica stanno conseguendo risultati incoraggianti, come ha sottolineato il presidente di Farmindustria Massimo Scaccabarozzi «nell'innovazione stiamo vivendo una "nuova primavera", con farmaci per molte importanti patologie, quali l'epatite C e diverse forme tumorali. La Ricerca è sempre più orientata al biotech e alla medicina personalizzata che non rappresentano solo il futuro ma anche il presente». La sfida della sostenibilità, concludono Aifa e associazioni, si può vincere solo uscendo dall'ambito nazionale per guardare all'Europa: servono nuove strategie per definire criteri di autorizzazione, di prezzo e rimborsabilità validi a livello europeo mentre per coinvolgere i pazienti bisogna ispirarsi alle esperienze positive realizzate in Europa di partecipazione dei cittadini alle attività regolatorie e alle scelte basate sull'uso razionale delle risorse e su una chiara definizione del concetto di innovazione. Ma occorre intervenire presto, conclude la nota, perché solo l'innovazione farmacologica può dare risposte alle grandi sfide presenti e future che devono essere vinte per difendere la salute dei cittadini, come ad esempio le infezioni correlate all'assistenza (Ica) e le malattie rare.

Marco Malagutti

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Per il benessere della gola irritata

Per il benessere della gola irritata

A cura di Lafarmacia.

Il PRAC raccomanda la sospensione dei medicinali contenenti idrossiprogesterone caproato dal mercato europeo. La revisione degli studi ha sollevato possibili problematiche di sicurezza e ha osservato...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top