Login con

Politica e Sanità

15 Giugno 2015

Studio Iss, e-cig sicura ma non aiuta a smettere


«Risultati moderatamente incoraggianti»: così Lamberto Mazzoli, professore dell'Università di Chieti e responsabile Registro tumori dell'Abruzzo, giudica i dati preliminari del primo e al momento unico studio al mondo che si prefigge di analizzare l'efficacia e la sicurezza a lungo termine dell'utilizzo delle sigarette elettroniche come strumento per smettere di fumare.
L'indagine ha una durata prevista di cinque anni e vede coinvolti numerosi atenei italiani oltre all'Istituto superiore di sanità (con il suo commissario straordinario Walter Ricciardi). Mazzoli, che ne è il primo autore, ricorda che un paio di anni fa, quando lo studio è iniziato, «il consumo delle e-cig era molto più alto di quello attuale e si era in un clima di demonizzazione che ci pareva francamente eccessivo, sembrava che fossero peggio delle sigarette tradizionali e abbiamo voluto vederci un po' più chiaro con una ricerca indipendente».
Per lo studio sono stati arruolati 236 ex-fumatori che erano passati alle sigarette elettroniche, 491 tabagisti tradizionali e 232 dual users, ossia fumatori di entrambi i tipi di sigarette. Vista la generale carenza di dati in proposito, gli autori hanno deciso di pubblicare i dati a dodici mesi che, pur essendo preliminari, offrono indicazioni interessanti. «Il primo punto - spiega Mazzoli - è che effettivamente, in chi ha già smesso di fumare e sta facendo uso di e-cig, la probabilità che torni a fumare sigarette normali è bassa. Evidentemente, si tratta di un dato positivo se e solo se le sigarette elettroniche sono sicure e il secondo risultato preliminare indica proprio questo: non sono emersi effetti avversi di rilievo o un aumento di malattie gravi; certo ci vorrà più tempo per confermarlo, ma già i risultati del secondo anno, che stiamo elaborando, sono su questa linea».
Il terzo risultato importante riguarda il dual use, che non appare particolarmente utile: «chi svapa e-cig per ridurre il numero delle sigarette tradizionali, inizialmente riesce nel suo intento ma a un anno di distanza la maggior parte riprende a fumare frequentemente».

Renato Torlaschi

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Stress da	vita frenetica?	Come ripristinare l’equilibrio intestinale

Stress da vita frenetica? Come ripristinare l’equilibrio intestinale

A cura di Coswell

Per il 26% dei cittadini, oggi i medici di famiglia svolgono per lo più una funzione amministrativa e burocratica, mentre per il 25% è una figura utile ad individuare esami di approfondimento e...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top