Login con

Politica e Sanità

21 Luglio 2015

Uk, con accesso a cartella clinica in farmacia aumentano responsabilità e rischi


A partire dal prossimo autunno, i farmacisti e i tecnici di farmacia inglesi avranno la possibilità di accedere alle cartelle cliniche dei pazienti, ma questo comporta nuove responsabilità e, secondo alcuni osservatori, anche qualche rischio. Joy Wingfield, professore di etica e legislazione farmaceutica alla University of Nottingham, richiama l'attenzione sulle conseguenze che un atto di omissione potrebbe comportare: «non aver controllato un cartella clinica di cui si possiede il diritto di accesso potrebbe portare a una causa civile e alla richiesta di risarcimenti se il paziente dovesse subirne un danno». È probabile tuttavia che accada molto più spesso il contrario e che maggiori informazioni possano aiutar il farmacista a evitare reazioni avverse o manifestazioni allergiche ai pazienti. È quanto emerso da un progetto pilota che lo scorso aprile ha coinvolto 140 farmacie di comunità in tutta l'Inghilterra. I risultati, resi pubblici di recente, mostrano prima di tutto che l'accesso da parte del farmacista al summary care record, le cartelle elettroniche dei pazienti, ha spesso evitato che il paziente fosse costretto a rivolgersi a un altro servizio sanitario, specialmente il medico di medicina generale. Inoltre, nel 18% dei casi, è stato in tal modo possibile evitare un errore di prescrizione. Del resto, i farmacisti ospedalieri in genere possono già accedere alle cartelle cliniche dei pazienti e in ogni caso il l'autorizzazione all'accesso per i farmacisti di comunità verrà accordata dal paziente stesso. Tanto che la maggioranza degli stakeholder sottolineano gli aspetti positivi del provvedimento e alcuni ritengono che si tratti solo di un primo passo. Infatti per ora l'accesso ai dati è previsto solo in lettura, ma Sir Kevin Barron, presidente del ricostituito All-Party Pharmacy Group, spera che la decisione spiani la strada alla possibilità di modificare e aggiungere informazioni alle cartelle elettroniche da parte dei farmacisti: «ci piacerebbe che questa funzionalità venisse resa possibile entro un paio d'anni».

Renato Torlaschi

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Nasce “Silvia Monti Profumi D’artista

Nasce “Silvia Monti Profumi D’artista" - Lafarmacia.

A cura di Lafarmacia.

Il Ministero con una rettifica a una nota dello scorso 8 febbraio, chiarisce che a grossisti è consentita la vendita diretta di medicinali veterinari anche...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top