Login con

Politica e Sanità

06 Novembre 2015

Sedativi e ipnotici, in Gran Bretagna troppo facile l’acquisto via internet


Preoccupazioni per l'accesso online a farmaci ipnotici e sedativi sono state espresse nei giorni scorsi sul British Medical Journal (Bmj), che ha pubblicato una lettera inviata da quattro medici esperti in tossicologia. La loro attenzione si è focalizzata in particolare sullo zopiclone, un farmaco sedativo ad azione ipnotica con attività ansiolitica, anticonvulsivante e miorilassante. Uno degli autori è Paul Dargan, professore di tossicologia clinica presso il Guy's and St Thomas' Nhs Foundation Trust di Londra, che ha riferito di aver avuto notizia da un paziente della possibilità di accedere al farmaco attraverso Internet, senza bisogno di prescrizione medica. «C'è stata un'overdose di zopiclone - dice Dargan - comprato in Internet senza ricetta e una ricerca in rete ci ha portato a individuare numerosi siti che rendono possibile questo tipo di acquisti, il che comporta gravi rischi di utilizzo improprio e di assunzione di sostanze in dosi eccessive».

Secondo quanto riferito dai medici inglesi, i siti trovati sono stati ben 37, alcuni dei quali vendono fino a 2000 compresse di zopiclone. Di questi, 35 permettono l'acquisto anche di benzodiazepine, di struttura chimica diversa ma dal profilo farmacologico simile allo zopiclone, e di numerosi altri farmaci per trattare l'insonnia. In molti siti, per favorire gli acquisti, si propongono sconti ai clienti che ne ordinano dosi massicce. Solo uno dei 37 siti web esaminati richiede gli estremi di una ricetta medica, mentre 14 non ne parlano e 22 specificano chiaramente che non è necessaria alcuna prescrizione; inoltre sono solo 24 i siti che forniscono informazioni e avvertenze riguardo ai dosaggi dei farmaci venduti. Dargan e i sui colleghi sottolineano che qualunque persona psichicamente vulnerabile può facilmente procurarsi farmaci che possono essere utilizzati in modo scorretto ma anche per togliersi volontariamente la vita. «Intendiamo portare l'attenzione sull'argomento - spiega Dargan - per capire se si può impedire la libera vendita di queste sostanze; intendiamo porre la questione all'attenzione delle autorità regolatorie britanniche».

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Back to school, per un rientro a scuola senza imbarazzi

Back to school, per un rientro a scuola senza imbarazzi

A cura di Viatris

Da luglio a dicembre dello scorso anno, la Farmacia dei Servizi in Calabria ha erogato numeri importanti di prestazioni sanitari. Si prosegue per tutto il 2024

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top