Login con

Politica e Sanità

09 Novembre 2015

Celiachia, attivato tavolo ministeriale per tutelare pazienti


«Abbiamo deciso di attivare un tavolo che dovrà individuare le soluzioni migliori a sostegno dei celiaci, in considerazione della loro vulnerabilità sul piano alimentare, con industria e associazioni di pazienti, come anche esperti scientifici e istituzioni, per esaminare la "questione celiachia" nei suoi variegati aspetti». Con queste parole, il ministro della Salute Beatrice Lorenzin è intervenuta con un messaggio al quarto Convegno nazionale dell'Associazione italiana celiachia (Aic), annunciando il prossimo avvio di un tavolo ministeriale ad hoc e aggiungendo che «tutelare la popolazione celiaca è un dovere, anche perché così facciamo un'importante operazione di prevenzione e, quindi, di contenimento della spesa sanitaria». L'istituzione del tavolo è motivata anche dall'entrata in vigore, il prossimo 20 luglio, di una nuova regolamentazione comunitaria in seguito alla quale gli alimenti senza glutine formulati per i celiaci perderanno lo status di "prodotto dietetico". L'annuncio è stato accolto favorevolmente da tutti coloro che si occupano di questa malattia. In particolare, il presidente dell'Associazione italiana gastroenterologi e endoscopisti ospedalieri (Aigo) Antonio Balzano ha dichiarato che «l'istituzione di un tavolo di lavoro ministeriale sulla celiachia rappresenta un'iniziativa lodevole e molto importante perché si stima che questa patologia colpisca in Italia circa una persona su cento, cioè un totale di oltre 600.000 pazienti, molti dei quali ancora non sanno di essere celiaci. Propongo però di allargare i lavori di questo tavolo anche ai problemi di chi soffre di "sensibilità al glutine", una condizione che si stima riguardi addirittura tra il 5 e 10% della popolazione, cioè un numero compreso tra i tre e i sei milioni di persone, e che si presenta spessissimo con sintomi sovrapponibili alla celiachia. Si tratta di una condizione diversa dalla celiachia e poco conosciuta che presenta sintomi quali dolore addominale o gonfiore ma anche eczemi, prurito o addirittura cefalea e che induce a un diffuso consumo di farmaci, anche in autoprescrizione».

Renato Torlaschi

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Normale circolazione venosa - Microcircolo.

Normale circolazione venosa - Microcircolo.

A cura di Lafarmacia.

Talea group lancia nuova linea di prodotti a marchio Farmaè, punta prevalentemente sul segmento degli integratori, che rappresentano il 36% del fatturato di Gruppo 

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top