Login con

Politica e Sanità

25 Novembre 2015

Nuove assunzioni, l’esperto: meglio anticipare, nel 2016 meno riduzioni Inps


Nella legge di Stabilità, assegnata alla commissione Bilancio della Camera, è contenuta una misura che, se confermata, abbassa, dal 2016, le riduzioni dei contributi Inps per le assunzioni. Un elemento da tenere in considerazione, in vista anche degli effetti della normativa del Jobs Act, che ha portato a morire contratti, come quello a progetto, che sono stati utilizzati in alcuni casi anche nelle farmacie.
È quanto spiega a Farmacista33 Rosina Savoia, responsabile ufficio del personale dello Studio Franco Falorni di Pisa: «A partire da fine giugno non è più possibile attivare contratti a progetto e quelli attualmente in essere - alcuni dei quali avranno presumibilmente come termine la fine anno - possono essere portati a scadenza. Oltre quella data, la possibilità che si apre è, in sostanza, nella maggior parte dei casi, l'assunzione. A questo proposito, bisogna ricordare che la riduzione del contributo Inps è maggiore nel 2015 - pari al 100% dei contributi Inps, ma con un tetto massimo annuale di 8.060 euro -, mentre dal 2016, secondo una misura presente nella legge di Stabilità», entrata da poco a Montecitorio, «se verrà confermata, è destinato a ridursi. Quindi, se si propende per la trasformazione di un contratto a progetto in un contratto a tempo indeterminato, laddove la scadenza si protrae oltre questo periodo, potrebbe essere utile interrompere il contratto in modo da far cadere la data di assunzione nel 2015. Per quanto riguarda le altre forme di contratti atipici, va ricordato che non sono più attivabili, mentre per altre soluzioni, quali la partita Iva, va ricordato che trovano giustificazione nel caso in cui il rapporto non sia di tipo assimilabile a lavoro dipendente: laddove il lavoratore è sottoposto a orari, utilizza macchinari della farmacia, ha un unico committente, e così via, è sconsigliato un suo utilizzo. A morire vanno anche i contratti di associazione in partecipazione, che non erano particolarmente frequenti ma pur sempre utilizzati, la cui scadenza di norma è al 31 dicembre. Anche per questi non sono più possibili ulteriori utilizzi». Per quanto riguarda gli incentivi, della durata di 36 mesi, «possono essere applicati per lavoratori che non fossero inquadrati a contratto a tempo indeterminato nei sei mesi precedenti». Sul fronte delle farmacie, «dal momento che si tratta di piccole e medie imprese, la valutazione economica, in termini di sostenibilità, deve essere di lungo periodo, proiettando il costo oltre i 3 anni in cui è prevista l'incentivazione. Anche perché è presumibile che ci potranno essere dei controlli rispetto a posizioni che eventualmente, dopo i tre anni, non verranno rinnovate e c'è il rischio che poi venga chiesta indietro la cifra». In termini di trasformazioni, «non è detto che la normativa produrrà, sull'occupazione, gli effetti sperati. Gli incentivi sono sicuramente un aiuto, ma occorre considerare che il contratto a tempo indeterminato costa di più rispetto a un contratto a progetto pregresso: 14 mensilità, a cui si aggiunge il Tfr, e così via».

Francesca Giani

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Beautify Time

Beautify Time

A cura di Relife

Un nuovo studio, pubblicato su NPJ Digital Medicine, mostra che l’utilizzo di test di memoria tramite smartphone permette di individuare i primi segni della...

A cura di Paolo Levantino - Farmacista clinico

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top