Login con

Politica e Sanità

26 Novembre 2015

Farmaci generici, Mmg americani: prescriverli è una best practice


Stavolta si è mosso anche l'American college of physicians (Acp) per raccomandare la prescrizione dei farmaci generici, ritenuta "buona pratica medica". Un apposito comitato ha effettuato un approfondimento sul tema, che si è tradotto in un documento pubblicato ieri su Annals of Internal Medicine. Tra gli elementi di interesse c'è la convinzione, espressa dagli esperti statunitensi, che il costo dei farmaci brand sia un fattore che riduce l'aderenza terapeutica di molti pazienti. «È un dato reale - conferma Aurelio Sessa, presidente di Simg Lombardia - probabilmente ancora più evidente negli Stati Uniti, dove i cittadini pagano i farmaci se non sono coperti dalla propria assicurazione: l'aderenza alla cura può essere inficiata proprio dai costi. In effetti succede anche in Italia e l'uso dei farmaci equivalenti può venire incontro al paziente, se il motivo della scarsa compliance è l'aspetto economico, dato che per certi farmaci la differenza può essere anche di parecchi euro. Oggi sempre di più il paziente è attento al costo e uno dei nostri compiti è di sottolineare questo aspetto».

Il report dà conto anche dei dubbi relativi all'efficacia dei farmaci equivalenti, che restano diffusi in parte della popolazione; l'Acp fa notare che l'approvazione della Fda è subordinata alla dimostrazione della bioequivalenza, ma che alcuni dati indicano eccezioni per cui alcuni farmaci generici che non risulterebbero all'altezza dei brand, e raccomandano ulteriori studi. «Nell'immaginario collettivo restano alcuni dubbi - dice Sessa - e noi medici siamo spesso costretti a ribadire questo aspetto, ma la quota di mercato dei generici sta sensibilmente e continuamente aumentando e il paziente acquisisce sempre più consapevolezza per diversi motivi: intanto, il medico stesso è più convinto, mentre prima capitava spesso che, soprattutto gli specialisti, dessero indicazioni per il farmaco brand; inoltre le aziende sanitarie ci danno costantemente indicazioni, anche attraverso la reportistica trimestrale, in cui viene sempre riportata la quota di farmaci generici prescritti».

Renato Torlaschi

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Continua la collaborazione tra “Lafarmacia.” e Telefono Donna

Continua la collaborazione tra “Lafarmacia.” e Telefono Donna

A cura di Lafarmacia.

Il nuovo Codice della strada ha ricevuto il primo via libera ed è arrivato alcuni giorni fa alla Camera: prevede una revisione del concetto di “condotta...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top