Login con

Politica e Sanità

01 Dicembre 2015

Prezzo in ricetta, l’esperto: da Consiglio Stato obbligo solo per galenici


L'obbligo di annotare il prezzo sulle ricette riguarda soltanto i medicinali allestiti in farmacia. A dirlo una riflessione pubblicata dall'Osservatorio Iusfarma, a firma dell'avvocato Francesco Cavallaro, sull'ultima sentenza del Consiglio di Stato relativa all'interpretazione dell'articolo 37 del Regolamento del 1938 n. 1706. «Il Consiglio di Stato» si legge «ha preso posizione sul tema per la terza: la prima volta - nel 2009 - affermò che l'obbligo di annotare il prezzo sulle ricette si riferisce ai soli galenici magistrali; la seconda volta - nel 2011 - sostenne che l'obbligo vale anche per i medicinali di produzione industriale». Ora, «nella terza volta - nel 2015 - è tornato sui suoi passi ed ha ribadito che l'obbligo riguarda soltanto i medicinali allestiti in farmacia». Infatti, continua, questa più recente sentenza, «sperando che sia l'ultima», «si conclude con il rilievo che la normativa più recente, nel delineare una nuova disciplina organica dei medicinali, avrebbe dovuto rinnovare una disposizione di tale rilevanza pratica nell'attività quotidiana del farmacista, quale quella relativa alla annotazione del prezzo sulle ricette non ripetibili, dovendosi altrimenti ritenere tale norma non più applicabile alle specialità medicinali». D'altra parte, continua la sentenza, la precedente interpretazione, che estendeva l'obbligo anche alle specialità medicinali, «non può essere condivisa e deve essere superata in ragione di una più ampia e approfondita considerazione del contesto normativo nel quale si inserisce». In particolare, tra le argomentazioni, vengono citate, «l'abituale comportamento dei farmacisti, che quando dispensano specialità non ne annotano il prezzo sulla ricetta», «le disposizioni che il Tuls del 1934 dedica ai prezzi dei medicinali, precisando che le specialità debbono essere vendute al prezzo «segnato nell'etichetta », mentre per i galenici prevedono la periodica pubblicazione di una apposita tariffa»; «i decreti di recepimento delle direttive europee intervenuti dal 1992 in avanti, che fanno ritenere superato e sostituito l'intero Regolamento del 1938». Da qui quindi il nuovo «giro di boa» da parte del Consiglio di Stato. Ma in ogni caso, è la conclusione di Iusfarma, «il Regolamento del 1938 meriterebbe un aggiornamento, senza particolari oneri per lo Stato; si direbbe però che al Ministero abbiano altri pensieri».

Francesca Giani

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Stitichezza da stress: un aiuto da Fave di Fuca

Stitichezza da stress: un aiuto da Fave di Fuca


La tintura madre di Origanum majorana è preparata con la pianta intera, contiene, tr ale altre cose, un olio essenziale ricco in terpineolo, un alcol terpenico responsabile dell’azione...

A cura di Italo Grassi

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top