Login con

Politica e Sanità

11 Febbraio 2016

Abusivismo, Gizzi: fatto grave, ma no a lezioni di professionalità a comunali


Lezioni di professionalità e garbate tirate d'orecchie, di cui le farmacie comunali italiane non hanno bisogno, e una serie scompostezze, francamente evitabili. Così Venanzio Gizzi presidente di Assofarm definisce le reazioni arrivate da più voci della categoria in seguito all'episodio di abusivismo professionale denunciato da un'inchiesta della trasmissione televisiva Striscia la notizia nella farmacia comunale di Garbagnate in cui un commesso dispensava farmaci, accompagnando l'atto con consigli e indicazioni di natura sanitaria. «Siamo di fronte ad un fatto assai grave, che formalmente si configura come abusivismo professionale, perché un commesso non è un farmacista» precisa Gizzi «ma che più sostanzialmente mette a repentaglio la salute del paziente». E aggiunge: «In fatto di professionalità, le farmacie comunali italiane non hanno bisogno né di lezioni né di garbate tirate d'orecchie da parte di nessuno. Il consiglio della presidente di Federfarma Annarosa Racca rivolto ai farmacisti comunali (nel corso di un video messo online da socialfarma.it, ndr.) "di stare più attenti" al fine di evitare in futuro il ripetersi di quanto recentemente accaduto a Garbagnate, viene pertanto cortesemente archiviato». Secondo Gizzi nel dibattito che il caso ha generato si registrano «una serie di scompostezze francamente evitabili». E chiarisce: «Mentre i vertici dell'azienda che gestisce le farmacie comunali di Garbagnate ha hanno subito dichiarato il loro impegno a far luce sull'accaduto, seguiti da dichiarazioni simili dell'Ordine dei Farmacisti di Milano, Conasfa si è lanciato in una ridicola richiesta di dimissioni dell'amministratore unico di Asm e del sindaco di Garbagnate». L'illecito, spiega Gizzi, «è da ricondursi a comportamenti individuali di alcuni dipendenti, non ad una dimensione organizzativa della quale sarebbe responsabile chi amministra la società». E chiude ricordando come «la cronaca degli ultimi anni ha più volte registrato varie forme di illecito prodotte da farmacisti privati, ma Assofarm non si è mai sognata di partire da questi fatti per dare consigli deontologici all'intera categoria dei titolari di farmacia e ai loro dipendenti. Le singole violazioni della legge e delle norme deontologiche vanno certamente combattute, anche per riaffermare una situazione generale ancora molto positiva: la farmacia italiana, privata o pubblica che sia, gode certamente di ottima salute professionale. Evitiamo quindi distinguo basati sulla proprietà delle farmacie, e concentriamoci tutti insieme sul mantenimento di alti standard qualitativi della dispensazione del farmaco».

Simona Zazzetta

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Il nuovo pasto sostitutivo dal gusto irresistibile

Il nuovo pasto sostitutivo dal gusto irresistibile


La Regione Emilia-Romagna ha approvato la delibera che definisce i requisiti generali, procedurali, organizzativi, strutturali, igienico sanitari e tecnologici e suo di locali distaccati per...

A cura di Simona Zazzetta

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top