Login con

Politica e Sanità

16 Febbraio 2016

Spesa farmaci, Aifa: bene revisione governance farmaceutica


L'Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa) accoglie con favore le ipotesi di revisione dell'attuale governance farmaceutica avanzate dai clinici oncologi al fine di garantire la sostenibilità del sistema e l'accesso ai medicinali innovativi in arrivo in diverse aree terapeutiche. Così in una nota Mario Melazzini e Luca Pani, rispettivamente Presidente e Direttore Generale dell'Aifa, rispondono alla nota inviata ieri dall'Associazione italiana oncologia medica (Aiom) che ha accolto con favore l'ipotesi di «spacchettamento» del tetto di spesa in tanti tetti quante sono le macroaree di cura. «Il prossimo incontro del tavolo della farmaceutica» continua la nota «potrebbe costituire un'occasione preziosa per approfondire la fattibilità di alcune ipotesi già all'esame del Ministero della Salute e di quello dell'Economia. Aifa ha proposto da tempo» proseguono i vertici dell'Agenzia «la possibilità di svincolare il finanziamento dei farmaci innovativi ad alto costo dal Fondo Farmaceutico Nazionale e di istituire dei budget specifici per ciascuna area terapeutica, non solo per l'oncologia, affidati al monitoraggio in tempo reale attraverso i Registri Aifa».

«Come dichiarato ieri dai vertici dell'Associazione Italiana Oncologia Medica» proseguono Melazzini e Pani «questa nuova modalità di attribuzione dei budget consentirebbe di distribuire le risorse tenendo conto dell'impatto delle nuove molecole ad alto potenziale di innovazione sulle diverse aree. Pensiamo sia inoltre giunto il momento» aggiungono Presidente e Direttore Generale dell'Aifa «di rivedere anche la metodologia di calcolo del Fondo Farmaceutico Nazionale basandosi ad esempio sul tasso di crescita annuale composto (Cagr), che tiene conto degli ultimi 5 anni dello storico della spesa farmaceutica alla luce dei risultati veramente ottenuti e disinvestendo dalla rimborsabilità di prodotti che non hanno mantenuto quanto ci si attendeva in termine di efficacia e/o sicurezza. Questi dati andrebbero poi corretti alla luce di un "horizon scanning" che, visto il suo ruolo e l'autorevolezza internazionale raggiunta, l'Aifa potrebbe svolgere per i tre anni successivi. Il 2016» concludono Pani e Melazzini «potrebbe realmente diventare un anno di svolta per i pazienti affetti da gravi patologie che avranno a disposizione terapie sempre più efficaci».

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

NAMEDSPORT> entra in campo in Serie A

NAMEDSPORT> entra in campo in Serie A

A cura di NAMEDGROUP

Ammonta a quasi 37 miliardi, nel 2022, la spesa sanitaria out of pocket, sborsata cioè direttamente dai cittadini, in aumento rispetto al 2021. L’analisi della Fondazione Gimbe 

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top