Login con

Politica e Sanità

20 Giugno 2016

Epatite C, pronti per fase 2: estensione a pazienti meno gravi ma a rischio


«Siamo pronti per la fase 2 nel trattamento dei pazienti affetti da epatite C con i farmaci di nuova generazione; già a partire dal secondo semestre di quest'anno e nel corso del 2017 si allargheranno i criteri di prescrivibilità». Lo afferma Antonio Gasbarrini, ordinario di Gastroenterologia all'Università Cattolica di Roma, intervenuto la scorsa settimana al sesto Workshop di economia e farmaci in epatologia (WEF-E 2016), che ha riunito i massimi esperti sul tema.

Gli antivirali ad azione diretta sono disponibili da poco più di un anno e inizialmente i costi erano estremamente elevati. «L'Aifa ha fatto degli accordi intelligenti - sostiene Gasbarrini - che hanno legato il prezzo dei farmaci al numero dei trattamenti effettuati, secondo curve volume-prezzo che sono state secretate, attirandosi alcune critiche. Ma questo ha permesso di pagare non 50 mila euro per ogni ciclo di trattamento, ma meno della metà: sembra che il prezzo vero oscilli tra i 18 e i 25 mila euro». È stato così possibile trattare moltissimi pazienti: «Circa 50 mila - conferma Gasbarrini - naturalmente quelli più gravi, come i trapiantati e i cirrotici avanzati; un dato confortante e uniforme sul territorio nazionale: nelle diverse Regioni il numero di trattamenti per milione di abitanti è molto simile».

E ora quali scenari si aprono? Prima di tutto arriveranno due nuovi farmaci, già approvati dall'Agenzia europea per i medicinali e questo spingerà i prezzi al ribasso, rendendo più agevole il passaggio alla fase 2 di cui parla Gasbarrini: «stiamo andando verso l'esaurimento dei pazienti veramente gravi, ma ce ne sono moltissimi con fibrosi F2, con malattie lievi-moderate che tendono a evolvere; è chiaro che di fronte a una malattia che nel 30% dei casi porta a cirrosi e nel 5-10% a tumori del fegato, non possono esserci dubbi». E i costi elevati delle cure si trasformano ben presto in risparmi. Ne è consapevole anche il ministro della Salute Beatrice Lorenzin: «l'epatite ci è costata un miliardo di euro fino a oggi e ci costerà ancora per trattare, spero, il doppio o il triplo dei pazienti. Ma quanto abbiamo risparmiato in termini di trapianti e altre cure?».


Renato Torlaschi

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Rapporto di Sostenibilità di TePe per il 2022

Rapporto di Sostenibilità di TePe per il 2022

A cura di TePe

Michele Albero è stato eletto presidente di Assosalute-Federchimica. Guiderà l’associazione nazionale dei farmaci di automedicazione per il triennio 2024- 2027.  Nel Consiglio di Presidenza:...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top