Login con

Politica e Sanità

28 Luglio 2016

Ddl Concorrenza, Dirindin: su fascia C si discuta nell’interesse di tutti


Non basta dire che i farmaci di fascia C con ricetta non devono entrare nelle parafarmacie. Alcune ragioni giustificano questa affermazione, ma altre potrebbero far collaborare parafarmacie e farmacie. Così Nerina Dirindin (Pd) commenta l'accoglimento da parte del Governo di alcuni ordini del giorno riferiti a misure contenute nell'art. 48, quello che si occupa di farmacie e farmaci, in previsione della ripresa a settembre della discussione sul Ddl Concorrenza. Sette in tutto, gli odg ripropongono i contenuti di alcuni emendamenti destinati altrimenti alla bocciatura e impegnano il governo a "valutare l'opportunità" di assumere una serie di impegni in materia di farmacie rurali, fascia C, carenze dei farmaci, Enpaf, farmaci generici ed eccezione galenica. Ed è proprio sulla fascia C che si concentra l'ordine del giorno G/2085/24/10 (testo 2), che a prima firma della senatrice Pd Erica D'Adda e tra i suoi firmatari anche Nerina Dirindin (Pd) ed Enrico Buemi (Autonomie), che parte dalla considerazione che uno stimolo importante per incrementare la concorrenza nella distribuzione farmaceutica verrebbe anche dalla concessione alle parafarmacie di vendere questi farmaci con ricetta. «Ho invitato tutti a riflettere - spiega a Farmacista33, Dirindin - perché non si può essere sbrigativi dicendo semplicemente che è bene che i farmaci di fascia C non vengano venduti nelle parafarmacie. Ci sono delle ragioni che giustificano questa affermazione, ma ce ne sono altre che potrebbero andare invece nella direzione di far collaborare parafarmacie e farmacie, consentendo alle prime di continuare a dare un contributo e una risposta ai cittadini e alle seconde di proteggere un po' il loro mercato. Perché di questo si tratta». Secondo Dirindin bisogna essere disposti ad aprire un'analisi approfondita su questo tema «senza dire semplicemente 'no'. So bene - conclude - che il farmaco non può essere trattato come ogni altro bene e difendo questa posizione, ma se questa teoria viene tirata fuori solamente per difendere le posizioni di taluni rispetto agli altri, allora non è giusta».


Rossella Gemma

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Contro stanchezza e spossatezza d’autunno

Contro stanchezza e spossatezza d’autunno

A cura di Uragme

La temozolomide può essere impiegata assieme ad altri agenti antitumorali, come ad esempio la doxorubicina, per trattare i cani affetti da linfoma recidivante

A cura di Luca Guizzon (Farmacista clinico territoriale, esperto di fitoterapia)

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top