Login con

Politica e Sanità

21 Ottobre 2016

Alimenti a fini medici speciali, proposta di legge per detraibilità


Presentata il 18 ottobre alla Camera dei Deputati una proposta di legge che mira a rendere detraibili le spese sostenute per l'acquisto di Alimenti a Fini Medici Speciali (Afsm). Il provvedimento, avanzato dall'Onorevole Vittoria D'Incecco e sottoscritto da oltre 30 parlamentari dei diversi gruppi avvicinerebbe l'Italia a molti paesi europei dove questa possibilità è già riconosciuta. Gli Afsm nell'ambito del Regolamento UE 609/2013, sono prodotti "destinati all'alimentazione completa o parziale di pazienti con una limitata, diminuita o disturbata capacità di assunzione, digestione, assorbimento, metabolizzazione o escrezione degli alimenti di uso corrente o di alcuni nutrienti o metaboliti in essi contenuti". Sono quindi indispensabili per combattere l'istaurarsi di uno stato di malnutrizione per difetto in quei pazienti in cui non è possibile impostare un corretto trattamento dietetico semplicemente modificando la normale dieta, né impiegando altri prodotti quali gli integratori. Nonostante gli Afsm debbano essere notificati al Ministero della Salute e richiedano di essere usati sotto stretto controllo medico, non rientrano nella categoria dei prodotti detraibili. Oggi l'Art. 15 del Testo unico delle Imposte sui redditi stabilisce che il 19% delle spese sostenute per cure mediche e per l'assistenza sanitaria possa essere detratto ai fini dell'Irpef. La proposta di legge lo modificherebbe prevedendo la detraibilità anche per gli alimenti a fini medici speciali, inseriti nella sezione A1 del Registro Nazionale (art. 7 del DM 8 giugno 2001), con l'esclusione di quelli destinati ai lattanti», con un onere per l'erario pari a 6,6 milioni di euro per tre anni, compensati dal risparmio in termini di costi sociali e dai benefici per i malati di tumore o con disturbi neurologici o ictus, malattie respiratorie, demenza. In Europa sono 33 milioni gli adulti a rischio di malnutrizione per difetto, con un costo sociale di 120 milioni di euro. «Gran parte dei fabbisogni metabolico-nutrizionali dei malati cronici non sono soddisfatti e questo ha un impatto negativo sulla spesa sanitaria perché la malnutrizione per difetto causa riduzione delle difese immunitarie e numerosi altri problemi» ha sottolineato Maurizio Muscaritoli, Presidente SINuC, Società Italiana di Nutrizione Clinica e Metabolismo. Particolarmente esposti sono gli anziani oltre i 65 anni, ma anche i malati oncologici: alcuni studi hanno messo in evidenza che se malnutriti possono avere effetti collaterali più marcati quando sottoposti a chemioterapia, arrivando anche a dover sospendere i trattamenti antitumorali. Appoggia la proposta anche il Tribunale per i diritti del malato-Cittadinanzattiva, per voce del coordinatore nazionale Tonino Aceti: «Sarebbe meglio che tali prestazioni fossero garantite all'interno dei LEA, ma riconosciamo nella proposta un primo passo importante per alleviare il peso sui redditi delle famiglie». «Una battaglia di civiltà - conclude D'Incecco, che si rende tanto più necessaria se si guarda da un lato alla crescente de-ospedalizzazione per numerose categorie di pazienti e dall'altro all'ingente peso che il loro acquisto ha sulle famiglie».

Francesca De Vecchi

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Il solito biscotto? No grazie - Natruly

Il solito biscotto? No grazie - Natruly

A cura di Natruly

La vareniclina è risultata più efficace della terapia sostitutiva combinata alla nicotina per smettere di fumare e se un primo tentativo non va a buon fine aumentare la dose favorisce la cessazione...

A cura di Cristoforo Zervos

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top