Login con

Politica e Sanità

12 Dicembre 2016

Farmaci anti epatite C, oltre mille italiani all’estero per comprarli


Sono centinaia, forse più di mille, gli italiani che sono già andati all'estero per acquistare, per meno di duemila euro, gli antivirali diretti che curano l'epatite C. «La situazione è quella che tutti conoscono - dice Ivan Gardini, presidente di Epac Onlus, l'associazione dei pazienti con epatite e malattie del fegato - i nuovi farmaci in questo momento sono garantiti solo a pazienti con una malattia grave o gravissima e restano fuori tante persone che hanno una malattia un po' meno avanzata ma che comunque hanno il virus». L'Aifa ha deciso di allargare progressivamente i criteri che stabiliscono le priorità dei pazienti a cui destinare le cure, perché i fondi per curare tutti e subito non ci sono. Eppure i più gravi sono stati già trattati con i nuovi farmaci, potentissimi e molto costosi, e nella legge finanziaria appena approvata sono stati previsti 500 milioni da destinare a questi pazienti. «Ci sono persone che hanno deciso di aspettare, non si sa bene ancora quanto, - riassume Gardini - e altre che scelgono di andare a acquistare i farmaci in India, Egitto o comunque Paesi dove costano meno che in Italia».

Secondo Gardini, a spingere la maggior parte di loro è la mancanza di un arco temporale certo, entro il quale sanno che verranno curati: «Suggeriamo di aprire delle liste d'attesa, anche di un paio di anni, ma almeno i medici potranno programmare le terapie e ogni paziente avrà le informazioni per decidere se mettersi in lista oppure procurarsi prima il farmaco; il problema principale è che nessuno riesce a quantificare quanta gente c'è da curare e dove sono questi pazienti, perché non tutti arrivano nei centri specializzati. Bisogna fare delle analisi e un po' di programmazione, ma è una cosa ragionevole che andrebbe fatta». La richiesta di Epac è condivisa da altre associazioni di pazienti, Aned (Associazione nazionale emodializzati dialisi e trapianto), FedEmo (Federazione associazioni emofilici), l'Isola di Arran (Associazione impegnata nella lotta all'emarginazione legata alla droga), Nadir (Pazienti con Hiv) e Plus (Persone Lgbt sieropositive) unite nella rete "Senza la C", che l'hanno formalizzata in una lettera rivolta al presidente del Consiglio, al ministro della Salute e al direttore dell'Aifa.


Renato Torlaschi

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Specifica per le piccole aree delicate e sensibili

Specifica per le piccole aree delicate e sensibili

A cura di Lafarmacia.

Presentato nel corso di un convegno al Senato l’Intergruppo parlamentare sulla prevenzione e le emergenze sanitarie nelle aree interne del Paese. Schillaci: un supporto dal Pnrr e dalle farmacie

A cura di Giuseppe Tandoi

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top