Login con

Politica e Sanità

22 Dicembre 2016

Ricetta elettronica. Farmacieunite: in Veneto copertura alta, farmacie hanno raccolto la sfida


Il Veneto, che «ha avviato la sperimentazione molto prima delle altre Regioni» ha raggiunto una percentuale di ricette elettroniche pari al 89,12% del totale delle prescrizioni. Ad annunciarlo è Franco Gariboldi Muschietti, presidente di Farmacieunite sindacato dei titolari indipendente, al termine di un incontro svoltosi ieri in Regione Veneto con i rappresentanti della Giunta presieduta da Luca Zaia e le categorie sanitarie per effettuare una ricognizione sul processo di digitalizzazione della sanità regionale. Uno degli argomenti centrali, fa sapere una nota del sindacato, è stata la ricetta dematerializzata. «Abbiamo immediatamente raccolto e condiviso, insieme ad Assofarm, la sfida lanciata dalla Regione e dal suo partner tecnico Arsenal» spiega Muschietti.

«La fase sperimentale alla quale hanno partecipato in totale, con step progressivi, oltre un centinaio di nostre farmacie nelle province di Padova e Treviso, ha fatto emergere una serie di comprensibili criticità, tipiche nelle transizioni di sistema, che abbiamo potuto mettere a fuoco e risolvere, a partire da quelle di natura squisitamente tecnica come i problemi di connessione, risolti grazie a una linea garantita attivata da Regione Veneto». «La ricognizione che la Giunta regionale ha voluto effettuare e condividere nell'incontro» prosegue «ha prodotto esiti più che positivi. Ci sono infatti tutte le condizioni per portare a regime il nuovo, innovativo sistema, traghettando definitivamente la sanità veneta nella dimensione 2.0, con vantaggi che i cittadini percepiranno fin da subito, in particolare nelle aree della cronicità e delle fragilità sociali.

Farmacieunite, Assofarm e tutte le farmacie loro associate hanno contribuito con grandi impegno, concretezza e responsabilità a portare avanti un progetto che non produrrà solo risultati in termini di maggiore efficienza ed economicità dei servizi e delle prestazioni, ma offrirà - ed è alla fine la cosa che più conta - una tutela della salute più efficace" spiega ancora il presidente del sindacato "grazie soprattutto al Fascicolo sanitario elettronico che consentirà a ogni cittadino di disporre di uno straordinario strumento di interrelazione con il Ssn e di ricevere risposte più veloci e soprattutto più appropriate ai suoi bisogni di salute. È una storia che in buona parte resta ancora da scrivere» conclude «ma è una bella storia ed è molto positivo che abbiamo già cominciato a scriverla e stiamo continuando a farlo, con impegno e determinazione, ma anche - almeno per quanto riguarda Farmacieunite e i suoi associati - con moltissimo orgoglio».

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Pidocchi in agguato

Pidocchi in agguato

A cura di Viatris

ECDC in un documento sottolinea l’aumento dei casi di Klebsiella pneumoniae resistente a carbapenemi, situazione che preoccupa gli esperti

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top