Login con

Politica e Sanità

16 Gennaio 2017

Omeopatia, Omeoimprese: senza proroga per rinnovo dossier gravi cali di fatturato


Se non sarà prorogato a giugno 2018 il termine per la presentazione dei dossier per il rinnovo della registrazione dei farmaci omeopatici in commercio da 30 anni si rischia un crollo di fatturato tra 70 e i 90 milioni di euro su 300 milioni di fatturato annui, la scomparsa di piccole e medie aziende e la perdita di migliaia di posti di lavoro. Questo lo scenario che si profila per il settore delineato da Omeoimprese che chiede al Ministero della Salute una spiegazione della sua posizione e l'approvazione dell'emendamento al Dl Milleproroghe. «Mesi di dialogo con il Governo non sono valsi a nulla» spiega Giovanni Gorga, presidente di Omeoimprese, «Le nostre istanze sono state ignorate dal DL Milleproroghe e ora restano meno di due mesi per "correre ai ripari" ed evitare il peggio. Ma con quali certezze? Il processo di registrazione si è finalmente avviato, ma l'elevatissimo numero di dossier e le difficoltà emerse per le caratteristiche proprie dell'omeopatia e le connesse differenze con l'allopatia, richiedono almeno un anno in più per arrivare all'obiettivo. Qui c'è in gioco il posto di lavoro di 4.000 addetti, decine di aziende rischiano la chiusura entro l'anno. Qual è la strategia del Ministero della Salute?».

Gorga ricorda come l'associazione per anni si sia battuta per una regolamentazione del settore: «Abbiamo lavorato strenuamente con le Istituzioni e nel 2019 saremo in vendita in farmacia con l'Aic, esattamente come avviene per i medicinali allopatici. In fase di predisposizione dei dossier sono emerse alcune problematiche che hanno rallentato l'iter di registrazione dei farmaci ed ora i tempi sono davvero ristretti. Lo abbiamo comunicato ad Aifa, che peraltro si troverebbe paralizzata se tutti i documenti arrivassero simultaneamente. E lo abbiamo comunicato al Ministero della Salute, che ha rinviato la soluzione a marzo, con la spada di Damocle di imminenti elezioni politiche». Ora, afferma Gorga, «bisogna parlare chiaro e il Ministero della Salute deve prendere una posizione ufficiale in questa vicenda. Le strade percorribili sono soltanto due: la proroga della scadenza dei dossier a giugno 2018 in fase di conversione in legge del decreto Milleproroghe, oppure una dichiarazione del Governo che motivi questo diniego e la volontà esplicita di affossare il settore. In barba a migliaia di lavoratori che rischiano il posto».

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Corso Olii Essenziali e Vegetali

Corso Olii Essenziali e Vegetali

A cura di Naturlabor

Molteplici le reazioni alle dimissioni di Giorgio Palù dall’incarico di presidente dell’Aifa. Schillaci e Gemmato: accolto suggerimento di nominare un ...

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top