Login con

Politica e Sanità

10 Maggio 2017

Autodiagnostica, l’esperto: discutibili esami non previsti da legge su farmacia dei servizi


Esiste la possibilità di ispezione da parte dei Nas nelle farmacie che acquistano un'apparecchiatura per autoanalisi da cui potrebbe conseguire una denuncia per esercizio abusivo della professione medica se tra gli esami consentiti, ed effettuati, dalla macchina c'è anche l'emocromo a 18 parametri, non contemplato dalla normativa sui nuovi servizi in farmacia. Ma l'orientamento dei giudici potrebbe concludere per l'insussistenza del reato.

È quanto segnala Stefano Lucidi, commercialista dello Studio Associato Bacigalupo-Lucidi, sulla base di un caso tuttora in trattazione. «Quando nel corso dell'ispezione si sia rilevata dalla "memoria" dell'apparecchiatura l'avvenuta effettuazione di tale esame in autodiagnosi quindi, probabilmente, non la semplice idoneità potenziale della macchina ad operarlo» spiega il commercialista «ne può conseguire una denuncia all'autorità giudiziaria per esercizio abusivo della professione (medica), non essendo l'esame stesso contemplato nei decreti ministeriali di attuazione del D.Lgs tra i nuovi servizi in farmacia». L'esperto spiega che non è prevedibile l'orientamento dei giudici e se bisognerà davvero andare in aula per casi del genere ma afferma che c'è una giurisprudenza della Corte di Cassazione che si è formata quando «ancora la materia non era stata neppure abbozzata dal legislatore e alcune farmacie, per così dire "pioniere", avevano già iniziato a offrire alla clientela alcuni di questi servizi di autoanalisi». In quei casi la Cassazione ha concluso per l'insussistenza del reato di esercizio abusivo della professione, affermando in particolare che l'analisi era stata effettuata integralmente da una "macchina", senza perciò alcun intervento "umano". Sembrerebbe dunque che alla stessa conclusione possa giungersi anche in evenienze come questa». L'esperto ritiene comunque di «verificare le caratteristiche delle apparecchiature in questo momento presenti nell'esercizio, che del resto sarebbe in ogni caso opportuno siano circoscritte appunto alle sole autoanalisi previste dai decreti attuativi». E se la macchina ne prevede altre suggerisce di «impedirli "meccanicamente" magari a cura e spese della stessa industria fornitrice».


Simona Zazzetta

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

City Lab introduce gli integratori Clinica

City Lab introduce gli integratori Clinica

A cura di City Lab

La Rhodiola Rosea viene utilizzata per trattare la depressione e l'affaticamento aumentando principalmente i livelli di dopamina e serotonina, In letteratura sono inoltre descritti numerosi case...

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top