Login con

Politica e Sanità

05 Luglio 2017

Resistenza antimicrobica, la Commissione europea vara nuovo Action Plan


È fondato su tre pilastri principali il nuovo Action Plan che la Commissione Europea ha adottato per affrontare il problema della resistenza antimicrobica.

Il problema suscita una preoccupazione crescente essendo arrivato a causare 25mila decessi all'anno tra i cittadini Ue, con un costo per i sistemi sanitari stimato in circa un miliardo e mezzo di euro.

Il commissario europeo per la Salute VytenisAndriukaitis, ha ricordato che la resistenza antimicrobica è una minaccia globale che richiede un intervento urgente: «se non ci attiviamo subito, entro il 2050 produrrà più vittime del cancro».

E CarlosMoedas, commissario per la Ricerca, l'innovazione e la scienza, ha rilavato che «non si tratta di un problema che possa essere affrontato da un solo Paese e richiede invece una collaborazione tra i Paesi, così come tra il settore pubblico e quello privato».

Il piano europeo, ambizioso e articolato in ben 75 azioni, è stato elaborato (aggiornando il precedente, del 2011) nella consapevolezza che salute umana, salute animale e ambiente sono strettamente collegati, richiedendo dunque un approccio strategico integrato, di tipo "one health".

Il primo pilastro è fondato sul riconoscimento dell'importanza di disporre di dati completi e aggiornati sul fenomeno e stabilisce di migliorarne la raccolta, potenziando inoltre il coordinamento tra gli Stati membri che saranno impegnati, al loro interno, ad adottare misure di controllo e sorveglianza.

Il secondo gruppo di azioni è mirato alla ricerca scientifica e all'innovazione, quali strumenti essenziali per poter elaborare misure di contrasto efficaci. Verrà data la massima priorità agli agenti patogeni presenti nella lista stilata dall'Organizzazione mondiale della sanità (tra cui Hiv, tubercolosi e malaria). In quest'ambito si punta a una stretta collaborazione con le industrie del settore.

Il terzo pilastro nasce infine dal carattere globale del problema della resistenza antimicrobica che, come tale, richiede una collaborazione che travalichi i confini dell'Unione: in particolare una condizione necessaria è un coinvolgimento dei Paesi in via di sviluppo, che sono ancora più esposti di quelli europei.

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

La nuova strategia uniformante anti-macchia

La nuova strategia uniformante anti-macchia

A cura di Somatoline

La guida “Safety cosmetics for young children” ha riesaminato i criteri di sicurezza dei prodotti cosmetici per i bambini

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2023 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top