Login con

Politica e Sanità

16 Novembre 2011

AIFA, sistema a punti per valutare la spesa


L’Agenzia sta pensando a un sistema di rating per valutare il rapporto costo-beneficio dei medicinali in senso globale. Se ne è parlato a Cernobbio al III Forum Meridiano Sanità


Un sistema a punti per valutare il rapporto costo-beneficio dei farmaci in vendita sul mercato italiano, prendendo in considerazione indicatori come la tecnologia, il costo, l''effetto terapeutico e altri parametri legati alle nuove molecole. E'' il sistema di “rating” a cui sta pensando l''Agenzia italiana del farmaco (AIFA) per "valutare il rapporto costo-beneficio dei medicinali in senso globale". Ad annunciarlo è Paolo Siviero, rappresentante dell''AIFA, intervenuto a Cernobbio al III Forum Meridiano Sanità. L''esperto espone la strategia a cui sta lavorando in questi giorni il direttore generale dell''AIFA, Guido Rasi, per incrementare l''appropriatezza della spesa farmaceutica, soprattutto quella ospedaliera per evitare che vada fuori controllo: "Dobbiamo dotarci diun metodo di analisi e controllo perch� il sistema regga", spiega. E la sfida più grossa, secondo il tecnico dell''Agenzia del farmaco, è "il controllo della spesa ospedaliera che ha un tasso di incremento preoccupante". L''AIFA del futuro, immagina, "dovrà garantire le innovazioni e portarle nel più breve tempo possibile ai cittadini". E ancora "dovrà stare al passo con l''evoluzione del mondo farmaceutico, dove i confini tra farmaco e terapia sono sempre più labili e si registra un''integrazione sempre più stretta fra farmaco e device per somministrarlo. L''AIFA, prosegue Siviero, dovrà farsi carico di introdurre nuovi farmaci perch� c''è un problema di equità ed efficacia. Oggi abbiamo farmaci vecchi e generici che costano più che negli altri Paesi Ue, mentre i farmaci innovativi hanno un prezzo uguale, se non inferiore. Ciò vuol dire che le vecchie molecole tolgono risorse alle nuove". Il progetto dell''AIFA è ambizioso: "Arrivare a valutare il costo-beneficio di un farmaco in senso globale, cioè la spesa sostenuta per salute prodotta". Un esempio? I farmaci oncologici che, conclude Siviero, "incidono per il 30% sulla spesa farmaceutica ospedaliera. Per le patologie tumorali, le nuove molecole hanno un alto costo ma permettono di incrementare la sopravvivenza media di 53 mesi, con 40 mesi liberi dalla malattia e un tasso di guarigione massimo".


Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Giornata Mondiale della Salute Orale

Giornata Mondiale della Salute Orale

A cura di Perfetti

Robert Giovanni Nisticò è il nuovo presidente dell'Agenzia italiana del farmaco, la sua nomina ha avuto il parere favorevole della Conferenza Stato-Regioni, dopo...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top