Login con

Politica e Sanità

27 Novembre 2017

Farmacisti e cronicità, progetto Sifo sposta su territorio intervento su aderenza e riconciliazione


Una "farmacia d'iniziativa", con il farmacista che esce dai compiti tradizionali, legati soprattutto alla logistica del farmaco, e va sul territorio per portare la sua esperienza di farmacista clinico per migliorare l'assistenza terapeutica e verificare l'aderenza alla terapia, partendo dalla riconciliazione terapeutica. Questa è l'idea alla base del progetto Atreo (Aderenza alla Terapia e Raccolta Evidenze e Osservazioni Real World Life) stato lanciato dalla Sifo al 38° Congresso nazionale che si è chiuso ieri a Roma dopo quattro giorni di lavori e nasce dalla riflessione sul continuo aumento delle aspettative di vita, delle patologie croniche e della percentuale di pazienti anziani e fragili: "Si continua a praticare la medicina per pazienti acuti in un mondo di malattie croniche dove il 75% dei pazienti di età compresa fra i 64 e i 75 anni ha una patologia cronica, e che quasi il 50% ha almeno due patologie croniche" si legge nella nota Sifo.

Il progetto, che coinvolgerà 75 professionisti con l'obiettivo di prendere in carico almeno 1.500 pazienti, si svolgerà in tre fasi: si parte con l'arruolamento dei farmacisti (Nord, Sud, Centro) e la loro formazione. I farmacisti poi, per un anno, si occuperanno di assistenza alla persona: prenderanno in carico il paziente sul territorio e faranno valutazioni periodiche sia sull'uso dei farmaci che sulla aderenza alla terapia. La parte conclusiva del progetto sarà dedicata all'analisi dei dati e alla stesura di un rapporto finale.
Il progetto, ha spiegato Ignazia Poidomani, componente del Consiglio direttivo e tesoriere della Sifo è «rivolto al paziente cronico, che vede il farmacista uscire dagli ospedali e portare la farmacia clinica nel territorio, a stretto contatto con i malati. Il farmacista non si occupa più solo dei compiti tradizionali, ma è un farmacista che ascolta il paziente, che attraverso i principi della comunicazione e del counseling opera attività come la riconciliazione terapeutica, in applicazione della raccomandazione n. 17 del ministero della Salute». Nel concreto, dovrà andare a rivedere tutti i farmaci che il paziente prende per evitare interazioni tra farmaci o interazioni tra farmaci e alimentazione. «Di fatto il farmacista prende in carico il paziente e lo segue per fare in modo che il paziente aderisca alla terapia. Bisogna tener e presente - prosegue ancora Poidomani- che la mancata aderenza è fonte di sprechi in sanità, oltre che di potenziali danni per il paziente. La terapia, se non viene assunta nei dosaggi giusti e nei tempi giusti, può infatti perdere di efficacia e causare danni al paziente».
Obiettivo del progetto è anche "raccogliere informazioni, anche di genere, sull'approccio alle terapie; controllare possibili interazioni tra farmaci e segnalare le reazioni avverse ai farmaci, intensificando la farmaco vigilanza attiva, e far emergere criticità derivanti da convinzioni, capacità cognitive o abilità personali del paziente. Il progetto Atreo punta anche a migliorare la relazione medico-paziente (integrando la mancanza di supporto sociale che spesso i pazienti soffrono) ma anche le problematiche gestionali o di accesso al farmaco che possono influenzare l'aderenza alla terapia".
«È sufficiente guardare i dati per capire che il sistema sanitario deve governare il settore del farmaco non solo in termini di costi del farmaco - conclude ancora Poidomani-. La mancata aderenza alla terapia è uno spreco di risorse e, in un sistema integrato di interventi, il farmacista ospedaliero può dare un enorme contributo per combatterla». (SZ)

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Stress da rientro? I consigli per una ripartenza

Stress da rientro? I consigli per una ripartenza


Avviata campagna in Uk per sensibilizzare i pazienti a rivolgersi alle farmacie per trattare sette patologie comuni senza la necessità di consultare il MMG 

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top