Login con

Politica e Sanità

23 Gennaio 2018

Big pharma, Sanofi e Celgene proseguono le acquisizioni


Proseguono le acquisizioni e fusioni annunciate da osservatori e analisti e avviate nei primi giorni dell'anno 2018: questa volta tocca a Sanofi e Celgene che con le rispettive operazioni spendono complessivamente oltre 20 miliardi di dollari per rilevare l'americana Bioverativ specializzata in emofilia e Juno therapeutics specializzata in oncologia. In particolare, si legge sulle agenzie di settore, Sanofi acquista Bioverativ, spin off di Biogen per 11,6 miliardi di dollari, in pratica la maggiore acquisizione messa a segno negli ultimi sette anni durante i quali sono saltati alcuni accordi importanti con Medivation e Actelion acquisite da altre Big pharma (Pfizer e Johnson & Johnson). E potrebbe non essere la sola acquisizione della società francese che, si apprende da fonti stampa, ha fatto sapere di avere a disposizione 20 miliardi di euro per possibili accordi, la quota restante potrebbe essere spesa per investire sulle divisioni di prodotti consumer health di Pfizer o Merck.

Dal canto suo Celgene si è interessata alle terapie oncologiche acquistando la Juno Therapeutics, con cui collabora dal 2015 per ricerche in questo ambito e di cui è la maggior azionista con una quota del 10%. Effetti positivi sui titoli Juno che chiudono in rialzo del 26,82%. Si tratta della seconda importante acquisizione portata a termine dal gruppo americano. Il 6 gennaio scorso, infatti Celgene ha acquistato Impact Biomedicines per 7 miliardi di dollari.

Gli analisti segnalano un inizio di anno particolarmente vivace sul fronte M&A con un'offerta da parte di Novo Nordisk per Ablynx da 3,2 miliardi di dollari e un'acquisizione da parte di Takeda Pharamaceutical che ha rilevato l'americana TiGenix per 627 milioni di dollari. A spingere sull'acceleratore, spiegano, è l'ondata di scadenze dei brevetti iniziata nel 2017 e che proseguirà ancora nel 2018 e la concentrazione delle ricerche, molto costose, su terapie antitumorali di ultima generazione, tra cui la terapie geniche: «Neanche le aziende più grosse e potenti - commenta su una testata finanziaia Massimo Scaccabarozzi, presidente della Farmindustria - sono in grado di affrontare da sole ricerche del genere, e così si intensifica la corsa ai network fra aziende, piccole startup, laboratori pubblici e privati».


Simona Zazzetta

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Nuxe presenta Merveillance Lift Glow

Nuxe presenta Merveillance Lift Glow

A cura di Nuxe

Uno studio recente, presentato durante la 14° Conferenza Europea sul Cancro al Seno,  evidenzia l’importanza di includere l’esercizio fisico come parte integrante della cura ...

A cura di Paolo Levantino - Farmacista clinico

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top