Login con

Politica e Sanità

05 Marzo 2018

Antibiotici, inappropriata una prescrizione su cinque


Dei 32,5 milioni di antibiotici prescritti dai medici di medicina generale, circa 6,3 milioni non sono necessari: questo accade in Gran Bretagna, dove Public Health England, l'agenzia governativa di sanità pubblica, ha pubblicato il primo studio che fornisce cifre precise riguardo alle prescrizioni non necessarie.
In Italia va peggio. Aurelio Sessa, presidente regionale della Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie (Simg) della Lombardia, spiega che «le differenze tra i diversi Stati europei sono molto forti e in Italia, così come in genere nell'Europa meridionale, le prescrizioni sono tre o quattro volte superiori rispetto al Nord Europa, pur non essendoci differenze epidemiologiche tali da giustificare questa differenze. E anche all'interno dell'Italia, ci sono importanti differenze tra nord e sud, dove si prescrivono molti più antibiotici».
Tuttavia Jeremy Hunt,il ministro della Sanità del Regno Unito ha riferito che i medici di base britannici hanno ridotto le prescrizioni di antibiotici del 5% rispetto al 2012.
«In effetti - conferma Sessa - un po' in tutta Europa, e in particolare nei Paesi dove c'è un'alta prescrizione di antibiotici, c'è stata una sensibile diminuzione, come riportano i rapporti Osmed; e questo è dovuto alle campagne per l'uso appropriato degli antibiotici, alla formazione dei medici e alla condivisione di dati di tipo epidemiologico». Come si vede dalle statistiche, la strada è ancora lunga, se è vero che in Europa all'antibiotico resistenza si devono circa 25mila decessi all'anno. «La maggior parte delle prescrizioni inappropriate, calcolate tra il 20 e il 30%, è dovuto alla cura delle infezioni alle alte vie respiratorie - dice l'esponente Simg - anche se sappiamo che sono prevalentemente di tipo virale e solo una percentuale tre il 15 e il 20% si complica con sovrainfezioni di tipo batterico». Tra le possibili spiegazioni, Sessa include anche la "pretesa" del paziente che insiste per assumere antibiotici: «C'è un problema molto importante di comunicazione, bisognerebbe spendere qualche minuto in più per spiegare al paziente i motivi per cui non bisogna prescrivere antibiotici ma non è sempre facile, anche perché spesso i nostri ambulatori sono molto affollati e il tempo è poco».

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Normale circolazione venosa - Microcircolo.

Normale circolazione venosa - Microcircolo.

A cura di Lafarmacia.

Tribulus terrestris nota anche come "Gokhura è apprezzata a livello globale e utilizzata per scopi medicinali usata in numerose preparazioni farmaceutiche e ...

A cura di Fabio Milardo - erborista

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top