Login con

Politica e Sanità

16 Novembre 2011

Anche il drink con black box per il nascituro


Un disegno di legge chiede di rendere obbligatorie etichette sugli alcolici che avvisano le donne in gravidanza sui potenziali danni al feto. è, infatti, accertato che l''assunzione di alcol durante la gravidanza può causare danni irreversibili, riconducibili alla sindrome alcolico-fetale. In Italia si presenta con un''incidenza che oscilla tra il 3,7 e il 7,4 per mille dei bambini nati vivi: si tratta di oltre 4.100 bambini sul totale dei 560 mila nati nel 2007. Valori che salgono sino a più di undicimila bambini l''anno, se si prendono in considerazione anche le patologie minori che rientrano nella denominazione Fetal alcohol spectrum disorder, percentuali che superano di gran lunga le medie degli altri Paesi occidentali. In Francia, per esempio, i valori sono compresi tra l''1,3 e il 4,8 per mille, mentre in Svezia si attestano intorno all''1,7 per mille. Il Ddl si propone di agire su due fronti: da un lato l''adozione di etichette informative, dall''altro la sensibilizzazione mediante campagne comunicative. Nel primo caso s''introduce l''obbligo d''inserire etichette informative sulle bottiglie di alcolici, sull''esempio di quanto già fatto con le sigarette. Nel secondo caso, l''invito a non consumare alcol viene pubblicizzato attraverso i media con messaggi periodici, e dagli operatori sanitari con i quali la donna instaura un rapporto di fiducia nel corso della gravidanza.

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

EG STADA Group lancia LopiGLIK

EG STADA Group lancia LopiGLIK

A cura di EG Stada Group

Le sigle di settore Unaftisp, Mnlf e Culpi non condividono le proposte rilanciate nei giorni scorsi da Assofarm sull’assistente del farmacista e il numero programmato di accesso...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top