Login con

Politica e Sanità

16 Novembre 2011

Più consumi ma spesa stabile


Il rapporto dell''Osservatorio nazionale sull''impiego dei medicinali, relativo ai primi 9 mesi del 2008, curato da ISS e AIFA, disegna una situazione economicamente sotto controllo

Gli italiani nei primi nove mesi del 2008 hanno consumato più medicinali, anche se la spesa farmaceutica complessiva del Servizio sanitario nazionale si è mantenuta stabile, grazie a provvedimenti di contenimento dei prezzi, calati del 7,2%. Rispetto allo stesso periodo del 2007, infatti, sono aumentate del 5,3% le confezioni a carico del SSN per ogni singolo cittadino, passate dalle 16 del 2007 alle 19 di quest''anno, così come le dosi assunte quotidianamente: dalle 875 ogni mille abitanti alle 931 del 2008, con un aumento del 6,4%. In crescita anche le prescrizioni, in rialzo del 6%. A fotografare il trend di consumi e spesa farmaceutica in Italia è il rapporto dell''Osservatorio nazionale sull''impiego dei medicinali (Osmed), relativo ai primi 9 mesi del 2008, curato dall'' Istituto superiore di sanità (ISS) e dall''Agenzia italiana del farmaco (AIFA). L''incremento delle dosi prescritte si registra in tutte le regioni con differenze che vanno dal 4,1% della Provincia autonoma di Bolzano al 9,2% della Calabria. Della spesa farmaceutica territoriale totale, stimata in 14.529 milioni di euro, il 58,7% (8.535 milioni di euro) è per i farmaci di classe A a totale carico del Ssn, il 4,9% (706 mln di euro) per quelli di classe A acquistati privatamente, il 16% (2.329 mln) per i medicinali di classe C con ricetta, il 10,7% (1.554 mln) è destinato ai farmaci di automedicazione, il 9,7% (1.406 mln di euro) ai farmaci erogati attraverso la distribuzione diretta e per conto. Oltre a quest’ultimo aspetto - sottolinea il Rapporto - altri provvedimenti che hanno contribuito al contenimento dei prezzi sono stati l''introduzione del prezzo di riferimento, l''introduzione del ticket, la scadenza dei brevetti di molte molecole importanti sul piano anche quantitativo quali la amlodiplina, ramipril, omeprazolo e claritromicina. Nei primi nove mesi del 2008, infatti, è aumentata del 51% la prescrizione dei medicinali equivalenti, rispetto allo stesso periodo del 2007. Ora, dunque, i farmaci a brevetto scaduto, rappresentano il 42,4% dei consumi e ''assorbono'' oltre un quarto (26,2%) della spesa totale del Servizio sanitario nazionale.

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Il nuovo integratore alimentare a base di fitonutrienti - Herbalife

Il nuovo integratore alimentare a base di fitonutrienti - Herbalife

A cura di Herbalife

Angela Margiotta farmacista e presidente dell’associazione Farmaciste Insieme, nel giorno di San Valentino ha pubblicato un post sui social sul supporto alle...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top