Login con

Politica e Sanità

16 Novembre 2011

Un precedente importante per l’Europa


Le conclusioni dell’Avvocatura Generale tracciano una linea che difficilmente potrà essere trascurata anche negli sviluppi futuri dell’armonizzazione della tutela della salute

Nelle conclusioni dell’Avvocato Generale della Corte di Giustizia europea si coglie qualcosa di profondamente innovativo in fatto di rapporti tra l’iniziativa comunitaria e l’organizzazione della sanità nell’Unione. “E’ un elemento culturale fondamentale” dice il vicepresidente della FOFI, Andrea Mandelli ”soprattutto in vista del fatto che su alcune materie, compresa l’organizzazione del servizio farmaceutico, si dovrà andare a un’armonizzazione. Il fatto che l’Avvocato Generale abbia ricordato le ragioni alla base della scelta di riservare la titolarità al farmacista appare un precedente fondamentale”.  Scelta della riserva della titolarità che, ricorda ancora Mandelli, è prevalente tra gli stati membri: “Spesso si è sentito dire che la scelta italiana era un anacronismo, un residuo che teneva lontano il paese dall’Europa, ma così non è. Inoltre, lo schema italiano, secondo l’Avvocato Generale, si applica in modo non discriminatorio, è giustificato da un motivo legittimo o da una ragione imperativa di interesse pubblico, e non è eccessivo rispetto allo scopo, cioè non pone restrizioni inutili alla libertà di stabilimento prevista dal Trattato europeo”.  Del resto, uscendo dalle ragioni legali, laddove si va incontro a una liberalizzazione “di mercato” è proprio l’organizzazione del servizio (e l’accesso dei cittadini al farmaco) a essere compromesso. L’esempio della Norvegia è lì a dimostrarlo. “In quel paese il passaggio da un sistema di vincoli sulla titolarità e di pianta organica a una completa liberalizzazione ha fatto sì che la quasi totalità delle farmacie diventasse proprietà di pochissimi operatori, che aumentassero le farmacie nei centri più ricchi e che, in compenso, non un solo comune che era privo di farmacia vedesse l’apertura di un nuovo esercizio. Al contrario, applicare una programmazione avrebbe consentito di presidiare le aree prive di farmacie”.  Peraltro, anche in Italia molto si può ancora fare: “Se vogliamo davvero favorire l’accesso alla professione” conclude Mandelli “prima di mettere mano alla regolamentazione, occorre fare i concorsi per le sedi vacanti, sfruttare fino in fondo le possibilità che il sistema offre. E su questo fronte non è da oggi che la FOFI è impegnata”.

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Lo spazzolino con il manico riutilizzabile - TePe

Lo spazzolino con il manico riutilizzabile - TePe

A cura di TePe

Molteplici le reazioni alle dimissioni di Giorgio Palù dall’incarico di presidente dell’Aifa. Schillaci e Gemmato: accolto suggerimento di nominare un ...

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top