Login con

Politica e Sanità

29 Ottobre 2019

Omeopatia, convegno al Senato: elevato riscontro di pubblico e presenze istituzionali


Si è svolto il convegno sulle medicine complementari promosso dall' Associazione di Pazienti Omeopatici: si tratta di una classe farmaceutica riconosciuta in Italia come in tutta l'Europa

Si è svolto alla presenza di figure istituzionali e relatori tra cui rappresentati dell'Aifa, il convegno sulle medicine complementari promosso da APO, l'Associazione di Pazienti Omeopatici su cui si erano scatenate numero polemiche.
Ieri, riporta una nota di Omeoimprese, l'incontro che si è tenuto nelle sale del Senato della Repubblica, c'è stato un «elevato riscontro di pubblico» su cui Giovanni Gorga, presidente di Omeoimprese e tra i relatori, esprime soddisfazione: «Ringrazio gli organizzatori - scrive nella nota - in particolare la Senatrice Virginia La Mura e tutti relatori per non essersi fatti condizionare dalle polemiche, pretestuose e infondate, che hanno provato a condizionare la libertà d'espressione. Anzi, auspico che il dibattito su questo tema possa essere raccolto da tutte le forze politiche».

Gorga sottolinea che «parlare di temi legati alla salute dei cittadini in Senato, non può essere un tabù. Quanto accanimento abbiamo riscontrato contro l'omeopatia, tanto da scatenare polemiche feroci per un appuntamento informativo che ha visto oggi fra i relatori la massima autorità a livello di Salute e Regolamentazione dei farmaci: l'AIFA. Ora mi chiedo: la medicina e i medicinali omeopatici sono tutelati da chiare, precise, norme, sia nazionali che sovranazionali. Perché fa così paura?- continua il Presidente dell'Associazione che riunisce le aziende produttrici di farmaci omeopatici in Italia -. L'omeopatia può essere una risorsa per il Servizio Sanitario, in virtù del fatto che, se bene utilizzata, è in grado di alleggerire la spesa sanitaria. Smettiamola pertanto di trovare qualunque pretesto per colpire questa disciplina che non può essere paragonata a magia o astrologia. Si tratta di una classe farmaceutica riconosciuta in Italia come in tutta l'Europa. Indietro non si torna».

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Intelligenza Artificiale per supportare i professionisti sanitari

Intelligenza Artificiale per supportare i professionisti sanitari

A cura di CGM Compugroup

Le combinazioni di farmaci a dose fissa possono offrire un controllo efficace della pressione intraoculare; tuttavia, c'è la necessità di ulteriori opzioni terapeutiche. L'approvazione apre nuove...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top