Login con

Politica e Sanità

05 Dicembre 2019

Numero programmato, Mnlf: non bloccare crescita dei giovani ma creare opportunità di lavoro


Non ostacolare la crescita dei giovani con limiti all'accesso alla facoltà di farmacia ma creare lavoro per i farmacisti, l'opinione di Mnlf

Non bisogna ostacolare la crescita dei giovani ponendo limiti all'accesso alla facoltà di farmacia, ma lavorare per creare nuove opportunità di lavoro per i farmacisti italiani, a partire da due proposte: inserimento obbligatorio del farmacista nelle case di ricovero e cura e modificare l'attuale legislazione sulla dispensazione dei farmaci che vieta ai farmacisti che operano in esercizi diversi delle farmacie, di cedere tutti i farmaci. Così in una nota il Movimento nazionale liberi farmacisti entra nel dibattito sulla proposta di arrivare al numero programmato a livello nazionale per l'accesso alla facoltà di farmacia e Ctf, in attesa di un sistema di sbarramento meritocratico, rilanciato in un intervista su questo giornale al presidente della Fofi Andrea Mandelli.

Secondo Vincenzo De Vito, presidente di Mnlf, «bisogna osservare le cose da una prospettiva diversa, lavorando a tempo pieno per creare nuove opportunità di lavoro per i farmacisti italiani. Una proposta già avanzata da tempo - aggiunge nella nota - è quella di legare il convenzionamento delle case di cura e di riposo con l'inserimento obbligatorio nel proprio organigramma di un farmacista che si occupi da dentro la struttura della gestione dei farmaci. Compito per cui la stessa università italiana lo ha formato».
De Vito rilancia sulla liberalizzazione della vendita dei farmaci: «Esiste una sacca di lavoro negata nelle pieghe dell'attuale legislazione sulla dispensazione dei farmaci, che vieta ai farmacisti che operano in esercizi diversi delle farmacie di cedere tutti i farmaci per cui hanno studiato. Quanti posti di lavoro verrebbero creati con queste due proposte? Questo Paese, che è agli ultimi posti per numero di laureati nell'UE, non si può più permettere di giocare con il futuro dei giovani e deve investire su di loro, ostacolare la loro crescita significa bloccare quella dell'Italia».
Il rischio, aggiunge, è che in Italia «qualsiasi forma, anche transitoria significa definitiva».

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Il compagno ideale per l’apparecchio ortodontico

Il compagno ideale per l’apparecchio ortodontico

A cura di Curaprox

Dal 13 al 18 maggio le farmacie del network Mia Farmacia (Farmacentro) impegnate nella campagna di sensibilizzazione “Abbiamo a cuore la tua salute”, dedicata alla lotta contro l’ipertensione...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top