Login con

Politica e Sanità

16 Novembre 2011

SIFO: informatizzare riduce le scorte di farmaci


Gli ospedali italiani che hanno adottato un sistema di gestione informatizzata dei servizi farmaceutici riescono a ridurre le scorte di medicinali fino al 30%

E'' quanto sostiene Laura Fabrizio, presidente della Società italiana di farmacia ospedaliera (SIFO), che spiega in una nota come per una migliore gestione dei medicinali occorrono "informatizzazione del sistema, monitoraggio della rotazione delle scorte, scorta minima, sottoscorta, punto di riordino". Obiettivo dichiarato "evitare l''immobilizzazione di capitale, l''obsolescenza dei prodotti e ridurre i costi delle scorte". "In Italia l''organizzazione sempre più avanzata e attenta delle farmacie ospedaliere è testimoniata da numerosi centri di eccellenza -spiega Pietro Finocchiaro, segretario nazionale Sifo - come l''Azienda ospedaliero-universitaria San Giovanni Battista di Torino, l''ospedale Santa Chiara di Trento, il Servizio farmaceutico dell''Asl 17 del Veneto, il Policlinico Gemelli di Roma, l''Ismett di Palermo, per citarne solo alcuni, e tante altre realtà sempre più numerose".

"Dove non sono disponibili tecnologie - spiega Margherita Rinaldi, coordinatrice Sifo dell''area scientifica “Management e tecnologie gestionali” - la gestione virtuosa delle scorte si realizza con apposite procedure scritte e inventari frequenti, con registri manuali di lotti e scadenze. La farmacia opera inoltre su specifiche check list, cioè liste di parametri da controllare (rispetto della prescrizione, conservazione dei farmaci, volume delle scorte e altri), preparate dal farmacista in base alla realtà organizzativa e alle criticità dei propri reparti, a tempi predeterminati con un impiego limitato di risorse (un farmacista in un''ora verifica una check list standard)". "Dalla collaborazione tra caposala e farmacista in reparto e in ambulatorio - aggiunge - nasce la procedura gestionale delle scorte, così quantità e riordino vengono attentamente monitorati. Va ricordato anche - sottolinea - che nella maggior parte dei casi le scorte in giacenza coprono da 20 giorni a un mese di fabbisogno e che alcuni farmaci o dispositivi vengono acquisiti su richiesta personalizzata per singolo paziente, senza essere immagazzinati. Inoltre - conclude - tramite inventari di fine anno e periodici, si quantificano costantemente le giacenze fisiche dei prodotti farmaceutici ovunque immagazzinati". "Una delle attività del farmacista ospedaliero e ancor di più di quello di reparto - sottolinea Finocchiaro - è la consulenza e vigilanza sulla tenuta dei farmaci e dispositivi medici nell''armadio di reparto. La sicurezza e la prevenzione degli errori sono lo scopo primario, ma si valuta attentamente anche il sistema di controllo delle scadenze", conclude.

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

La salute non va in vacanza

La salute non va in vacanza


Il Direttore Generale dell'Efpia, Nathalie Moll, ha commentato il voto del Parlamento europeo sulla riforma della legislazione farmaceutica europea: un momento altamente significativo per...

A cura di Cristoforo Zervos

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top