Login con

Politica e Sanità

16 Novembre 2011

Nuove regole sui radiofarmaci


Nuove e stringenti regole incombono sui centri di medicina nucleare italiani in materia di radiofarmaci. Ben 237 laboratori interessati dalla misura: dovrebbero mettersi in regola entro e non oltre l''8 agosto 2009. A fissare i nuovi paletti è una norma, tutta italiana ma in linea con l''Europa, datata 2005. "Nel momento in cui ai radiofarmaci è stato riconosciuto lo status di farmaci a tutti gli effetti - spiega Diana Salvo, presidente dell''Associazione italiana medicina nucleare (Aimn), a Roma in un workshop di due giorni sul tema all''Istituto superiore di sanità - occorre garantire la piena qualità dei prodotti. Per questo, si sono rese necessarie nuove regole". Regole che diano luogo a un vero e proprio restyling dei centri di medicina nucleare dove vengono messi a punto i preparati. "Per cambiare le cose - spiega Salvo - ci vogliono parecchi soldi, e conosciamo bene le difficoltà economiche in cui verte il Ssn". Per cambiare il volto dei centri di medicina nucleare è previsto, infatti, un range di spesa che va dai 70 mila ai 400 mila euro, stima il presidente dell''Aimn, solo per quei laboratori che si occupano di preparazioni semplici: quelle, per intenderci, destinate in gran parte ai malati oncologici. A questi laboratori, tuttavia, si aggiungono un centinaio di centri che si occupano anche di altre attività più complesse, come ad esempio quelle relative ai cosiddetti marcatori cellulari. Per queste medicine nucleari, naturalmente, i costi lievitano ulteriormente. "Ecco perch� - chiarisce la presidente dell''Aimn - stiamo mettendo a punto procedure che garantiscano la qualità dei prodotti anche in assenza di strutture perfettamente a norma. Procedure, dunque, che ci traghettino con gradualità verso l''eccellenza, a cui chiaramente puntiamo”.

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Papà e bambino: un rapporto speciale

Papà e bambino: un rapporto speciale

A cura di Viatris

L'Associazione dei produttori di principi attivi e intermedi per l’industria farmaceutica, Aschimfarma  che fa parte di Federchimica, ha eletto alla Presidenza Pierfrancesco Morosini

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top