Login con

Politica e Sanità

16 Novembre 2011

Assofarm: mai un farmaco senza farmacista


Arriva dall’Assofarm una proposta di regolamento che possa stabilire uno standard di qualità minimo e che possa garantire la migliore assistenza possibile ai pazienti, senza mai prescindere dalla presenza di un farmacista

Un codice per stabilire le regole fondamentali per l''assistenza ai clienti in farmacia, per standard di qualità verificabili da tutti. E che indichi le buone prassi da seguire: dalle domande da fare a chi richiede un medicinale per l''auto-cura alle informazioni da garantire nei diversi casi. Ma anche un sistema di distribuzione dei medicinali che continui a prevedere, sempre e comunque, la presenza di un farmacista quando si dispensa un medicinale. Sono alcune proposte dell''Assofarm, l''associazione che riunisce le farmacie comunali - 1.500 in Italia � e che ha Roma ha promosso una giornata di studio sul disegno di legge Gasparri-Tomassini per il riordino del servizio farmaceutico. "Per noi il cittadino deve essere al centro di tutto il sistema delle farmacie - ha spiegato Francesco Schito, vicepresidente di Assofarm - e questo il primo principio sul quale si basano le nostre proposte. Mentre crediamo � ha continuato Schito - che vada ribadita la necessità inderogabile della presenza del farmacista: sia quando distribuiscono i medicinali con ricetta sia, a maggior ragione, quando si distribuiscono i prodotti senza ricetta. In contrasto con la proposta Gasparri-Tomassini che prevede, in alcuni casi, la dispensazione senza farmacista". Per quanto riguarda invece la proposta del codice, Schito ha precisato: "Riteniamo che ci sia bisogno di un sistema di buone prassi che deve essere verificabile da tutti. Serve, insomma, seguire protocolli definiti anche per l''assistenza al cittadino da parte del farmacista". Il sistema della farmacia, comunque, va "ammodernato e riformato - ha spiegato il senatore Luigi D''Ambrosio Lettieri (Pdl), vicepresidente della FOFI e segretario della commissione Igiene e Sanità di Palazzo Madama - in maniera coerente con i tempi. Questa riforma deve puntare a consolidare la farmacia come presidio socio-sanitario assistenziale del territorio. E in tutto ciò il ruolo del farmacista è straordinariamente importante. Per questo va arricchito di un patrimonio di saperi che deve adeguarsi, anche questo, ai tempi. Questa professione, in sinergia con i medici, restituisce al sistema elementi di efficacia, appropriatezza, efficienza e di accessibilità per i cittadini all''interno di un percorso che sia in grado di potenziare ulteriormente la presenza capillare sul territorio e creare prospettive occupazionali, senza pregiudicare un impianto di base che merita di essere conservato". I giornalisti presenti hanno chiesto al presidente della FOFI, Andrea Mandelli, intervenuto alla manifestazione un giudizio sul tavolo organizzato dal Sottosegretario Ferruccio Fazio sulla distribuzione. "C''è un dialogo difficile" ha detto il presidente della FOFI. "Ho evidenziato, nel ruolo di coordinatore dei lavori, la difficoltà oggettiva di mediare le diverse realtà. Abbiamo la grande distribuzione che ha risultati sicuri su quanto prodotto dal decreto Bersani". Ma non è la stessa cosa per altre realtà figlie della liberalizzazione. Come le parafarmacie che, spiega Mandelli, "sono nate come mercato, non come contributo alla salute". Su queste il dibattito è acceso, "evidentemente qualche problema c''è" ha concluso.

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Per l’equilibrio della flora batterica intestinale

Per l’equilibrio della flora batterica intestinale

A cura di Lafarmacia.

Omeoimprese lancia,  in collaborazione con associazioni di medici esperti in omeopatia e pazienti, campagna di sensibilizzazione che coinvolge farmacie e studi medici ...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top