Login con

Politica e Sanità

15 Novembre 2011

Spiegazioni sul clobutinolo


"Boehringer Ingelheim, in accordo con le competenti autorità sanitarie tedesche, ha deciso di ritirare volontariamente i suoi prodotti a base di clobutinolo cloridrato in tutti i Paesi in cui questi sono commercializzati". Lo precisa la società in una nota, dopo la comunicazione dell''Agenzia italiana del farmaco sui termini del provvedimento in Italia, dove il prodotto è commercializzato dal gruppo con il  marchio Silomat, come sciroppo e gocce orali. Il gruppo ricorda inoltre che il principio attivo non è coperto da brevetto. Sul mercato ci sono quindi anche farmaci a base di clobutinolo dei quali Boehringer "non è responsabile". Finora, sottolinea l''azienda, "il clobutinolo risultava ben tollerato, secondo i dati del mercato mondiale che, dal 1961 ad oggi, conta circa 200 milioni di pazienti trattati, e sulla base dei safety report ricevuti". Ma "nuovi dati di uno studio clinico con soggetti sani condotto da Boehringer Ingelheim e analizzati negli ultimi giorni sggeriscono che non può essere escluso un potenziale rischio di aritmia cardiaca. Questo potenziale rischio può essere molto basso, ma, considerando l''indicazione e la disponibilità di alternative terapeutiche, Boehringer Ingelheim ha deciso, nell''interesse della salute dei pazienti, di ritirare i prodotti contenenti clobutinolo come misura precauzionale", aggiunge. "Consideriamo nostro dovere valutare attentamente ogni nuova informazione che l''azienda ha a disposizione - commenta Andreas Barner, vice chairman del Board dei Managing Directors e responsabile delle aree Ricerca, Sviluppo e Medica della casa farmaceutica tedesca - e attivare misure responsabili per minimizzare ed evitare anche potenziali rischi ai pazienti. Dunque, abbiamo deciso di ritirare volontariamente il clobutinolo". I pazienti che interrompono la cura con clobutinolo devono rivolgersi al proprio medico o farmacista per alternative terapeutiche. Considerato che "gli effetti farmacologici sono transitori", chi avesse assunto in precedenza clobutinolo non deve preoccuparsi circa potenziali effetti indesiderati ritardati.

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

La cellulite non va in vacanza

La cellulite non va in vacanza

A cura di Viatris

Angela Margiotta farmacista e presidente dell’associazione Farmaciste Insieme, nel giorno di San Valentino ha pubblicato un post sui social sul supporto alle...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top