Login con

Politica e Sanità

16 Novembre 2011

ISS: cresce allarme leishmaniosi


La malattia parassitaria è in rapido e costante aumento su tutto il territorio nazionale sia nell''uomo che nel cane. “Nelle decadi 1960-80 - afferma Luigi Gradoni dirigente di ricerca Reparto di Malattie trasmesse da vettori e sanità internazionale dell''Istituto Superiore di Sanità - i casi di leishmaniosi viscerale umana erano ridotti ad alcune decine. Dalla fine degli anni ''80 è ripreso invece un aumento lento e graduale della loro incidenza, fino a un nuovo picco superiore ai 200 casi, 1/3 dei quali in età pediatrica, registrato in questi primi anni 2000''''. Ma se l''uomo è più resistente alla malattia, la vera strage si registra tra i cani che di leishmaniosi possono anche morire. Dai dati della LeishMap, il network scientifico per il monitoraggio e la mappatura della leishmaniosi canina nel Nord Italia è emerso che i focolai d''infezione oggi si collocano uniformemente in tutte le aree costiere, collinari e pedemontane della penisola. “Le regioni più colpite - continua Michele Maroli del dipartimento di malattie infettive, parassitarie e immunomediate dell''ISS - sono quelle della costa tirrenica, del basso Adriatico e le isole maggiori dove il tasso di infezione canina è di norma superiore al 15% con microfocolai che superano il 40% nell''area napoletana e raggiungono il 60% nel catanese”. Minore il rischio di sieropositività nelle regioni centrali e interne (5-14%) e ancora più nel nord Italia (2-4%). Le uniche aree attualmente non endemiche sono i centri urbani delle città medie e grandi, la pianura padana e i rilievi montuosi sopra i 400-800 metri.

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

AZIENDE

Unifarco deposita il suo ventunesimo brevetto per l’estratto di melograno

Unifarco deposita il suo ventunesimo brevetto per l’estratto di melograno

A cura di Unifarco

Un’indagine condotta da Doctolib.it su oltre 2.000 cittadini da 18 anni in su rivela che 86% degli italiani ha una farmacia di fiducia alla quale si affidano

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top