Login con

Farmaci e dintorni

16 Novembre 2011

Danni da radiazioni, molti farmaci in via di sviluppo


Il disastro recente occorso alla centrale nucleare di Fukushima in Giappone, ha riportato al centro del dibattito il tema della messa a punto di farmaci per i danni da esposizione a dosi massicce di radiazioni. Secondo quanto riferito sulla rivista Nature Medicine sono in via di sviluppo e sperimentazione diverse molecole terapie cellulari per affrontare potenziali futuri incidenti nucleari. A oggi non ci sono farmaci per correre ai ripari dopo l''esposizione ad alte dosi di radioattività, a parte lo iodio usato a scopo preventivo, che però non preserva dalla cosiddetta sindrome acuta da radiazioni che causa perdita d''appetito, affaticamento, febbre, nausea, vomito, diarrea e danni alla pelle già dopo poche ore dall''esposizione. L''esposizione può essere fatale: la morte nella maggior parte dei casi avviene a causa della distruzione del midollo osseo, con infezioni ed emorragie interne. Alcune prospettive terapeutiche si intravedono nella ricerca in corso: l''azienda Cleveland BioLabs di Buffalo sta testando “CBLB502”, una molecola estratta dai flagelli (i micropeli) del batterio Salmonella, che attiva un sistema di sopravvivenza delle cellule. L''azienda biotech Onconova in Pennsylvania sta testando il suo composto, Ex-RAD, che spegne gli interruttori dell’apoptosi che si innesca scatena quando il Dna delle cellule risulta molto danneggiato. L''azienda Cellerant Therapeutics in California ha messo a punto una terapia cellulare basata su cellule precursori del sangue che possono essere infuse per via endovenosa. Queste cellule, chiamate CLT-008, hanno la peculiarità di non dare reazioni di rigetto.

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Para-probiotici e prebiotici:  perché sono utili non solo per l’intestino?

Para-probiotici e prebiotici: perché sono utili non solo per l’intestino?

A cura di Alfasigma

È stato siglato un protocollo d’intesa tra la Prefettura di Monza e Brianza e Federfarma, Assofarm e Ordine professionale per l’implementazione di sistemi di video sorveglianza all’avanguardia

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top