Login con

Farmaci e dintorni

18 Giugno 2014

Farmacovigilanza nell'anziano secondo l'Fda


Salvo casi eccezionali e particolarmente fortunati, superati i sessant'anni di età la giornata è scandita dagli orari di assunzione dei farmaci, uno dei pilastri su cui poggia la conquista moderna della longevità. D'altra parte lo scotto da pagare sono gli eventi avversi e le interazioni farmacologiche il cui tasso risulta particolarmente elevato negli anziani, con conseguenze anche gravi incluse la disabilità e il ricovero in ospedale. Per questo motivo la Food and drug administration (Fda), l'ente governativo statunitense che si occupa di sicurezza dei medicinali e degli alimenti, ha aggiornato e messo in evidenza una pagina di suggerimenti dedicata in maniera specifica ai pazienti geriatrici. È assodato che la sensibilità agli eventi avversi ai farmaci cresce in proporzione all'età: questo accade perché l'anziano è sempre più medicalizzato, ha un metabolismo più fragile, spesso è costretto a una politerapia, ha diverse malattie concomitanti e ha difficoltà a rispettare le indicazioni per carenza di memoria e concentrazione. Una vulnerabilità che l'Fda cerca di compensare con quattro suggerimenti, solo all'apparenza banali, quando l'obiettivo è ridurre l'alta percentuale di eventi avversi riscontrati tra gli over sessantenni. Il primo è convincere la persona anziana a seguire alla lettera le prescrizioni, a non modificare né dosaggio né numero di assunzioni giornaliere, incentivando la comunicazione degli eventi avversi al medico e al farmacista qualora dovessero presentarsi. Secondo: compilare una lista scritta della terapia in corso, con gli orari e le dosi, e consegnarla a un parente o a un amico. Terzo suggerimento: informarsi sulle interazioni più rilevanti dal punto di vista clinico, comprese quelli che riguardano alimenti, integratori dietetici, erbe, alcol o sulla presenza di alterazioni nei meccanismi fisiologici di assorbimento o eliminazione dei medicinali. Quarto e ultimo suggerimento, forse il meno scontato: rivedere ogni anno con il medico lo schema della terapia per verificare quali sono i medicinali realmente necessari (spesso la politerapia è immotivata) e fare un bilancio dei vantaggi.
Perché interessa il farmacista: le condizioni in cui vengono studiati i farmaci sono molto diverse dalla realtà quotidiana per questo il farmacista ha un ruolo essenziale nell'informare i clienti anziani sulle posologie e sui rischi.

Marvi Tonus

Se l'articolo ti è piaciuto rimani in contatto con noi sui nostri canali social seguendoci su:

Seguici su Facebook! Seguici su Linkedin! Segui le nostre interviste su YouTube!

Oppure rimani sempre aggiornato in ambito farmaceutico iscrivendoti alla nostra newsletter!

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

28/12/2019

Per contrastare la compravendita illegale di farmaci per uso veterinario il Ministero sta studiando un logo, un bollino di qualità sulla falsa riga di quanto fatto per le farmaciePer...

27/12/2019

La Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per il trattamento dell'artrite reumatoide attiva di grado da moderato a severoLa Commissione europea ha approvato upadacitinib (Rinvoq) per...

27/12/2019

Solo il 2% delle farmaciste donne possiede una farmacia nonostante rappresentino il 62% della forza lavoro, è quanto emerge dal sondaggio "Survey of registered pharmacy professionals 2019" del...

A cura di Lara Figini

27/12/2019

Acquistare i farmaci su internet attraverso siti non autorizzati è un fenomeno in continua crescita e l'unica arma per contrastarlo resta l'educazione sanitaria e l'orientamento dei cittadini...

 
Resta aggiornato con noi!

La tua risorsa per news mediche, riferimenti clinici e formazione.

 Dichiaro di aver letto e accetto le condizioni di privacy

EVENTI

AZIENDE

Dieta povera di sali minerali?

Dieta povera di sali minerali?

A cura di Viatris

Siglato accordo di collaborazione tra AiSDeT-Associazione Italiana di Sanità Digitale e Telemedicina e Confindustria Dispositivi Medici con l’obiettivo di approfondire e promuovere scenari...

A cura di Redazione Farmacista33

 
chiudi

©2024 Edra S.p.a | www.edraspa.it | P.iva 08056040960 | Tel. 02/881841 | Sede legale: Via Spadolini, 7 - 20141 Milano (Italy)

Top